• Turismo religioso
    • Active & Green
    • Montagne

Il Cammino di San Colombano

La Via di San Colombano è il percorso che, attraversando l’intera area della Lombardia Orientale, conduceva un tempo sino a Bobbio

La Via di San Colombano, un tempo, conduceva sino a Bobbio, sede della celebre abbazia fondata nel cuore dell’Appennino dall’abate irlandese San Colombano all’inizio del VII secolo.

Colombano, una delle figure spirituali più influenti della sua epoca, definito “Il Santo Patrono d’Europa”, nasce nel 542. Nel 591 salpò con dodici discepoli da Bangor, in Irlanda del Nord, e per oltre trent’anni viaggiarono attraverso l’Europa fondando comunità e monasteri in territori che, oggi, sono moderni stati europei: Irlanda, Gran Bretagna, Francia, Germania, Svizzera, Austria e Italia.

Colombano e il suo discepolo Gallo furono figure chiave del monachesimo irlandese, il primo grande movimento monastico d’Europa che promuoveva l’alfabetizzazione e l’istruzione, anticipando il grande movimento monastico del Medioevo. Alla tradizione irlandese, e a lui in quanto divulgatore, si deve anche la forma del sacramento della Confessione come la conosciamo oggi: accusa individuale dei peccati e possibilità di ripeterla più volte in vita. L’itinerario è l’occasione per ripercorrere i passi del Santo, che attraverso le Alpi giunse a Milano dai governanti Longobardi che lo indirizzarono verso la piccola cittadina di Bobbio, situata all’estremità settentrionale degli Appennini.

Qui, San Colombano fondò la sua ultima Abbazia che divenne centro di stabilità e cultura in un periodo di violenza e turbolenze, e resterà per secoli l’istituzione più influente dal punto di vista religioso e culturale di tutto il nord Italia. Colombano morì nel 615. I suoi resti sono custoditi nella cripta della Basilica dell’Abbazia, dove ogni anno migliaia di persone si recano a venerarne la memoria.

L’itinerario italiano parte da Chiavenna, costeggia il lato orientale del lago di Como e prosegue fino a Lecco. Attraverserai i piccoli paesi di Novate, Curcio, Dervio, Bellano e Varenna, denominata “La perla del Lario”. Borghi affacciati sulle acque del lago e circondati dai monti. Continuerai i tuoi passi toccando altre due località lariane, Lierna e Abbadia, punto di partenza del Sentiero del Viandante, altro straordinario cammino che ti porterà alla scoperta delle bellezze artistiche e naturali del lago.

Da Lecco prosegui seguendo le correnti del fiume Adda, attraverso Olginate e Brivio sino a raggiungere l’area del milanese. Una tappa veloce a Melegnano e in un baleno ti troverai davanti al Duomo di Lodi, impianto romanico tra i più grandi della Lombardia e monumento più antico della città. Terminato nel XVI secolo, il Duomo racchiude, lungo la navata centrale, la statua in rame dorato di S. Bassiano, l’altare sarcofago gotico, affreschi medievali e una rara scultura romanica raffigurante l’Ultima Cena.

Riprendi il passo fino a giungere a San Colombano che, agli inizi del Novecento, diede i natali a don Carlo Gnocchi, sacerdote, educatore e scrittore italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Proseguendo nel cammino si raggiunge finalmente Bobbio. Il Cammino di San Colombano è attualmente oggetto di studio e riqualificazione.

 

5 MOTIVI PER PERCORRERE L’ITINERARIO

  1. Percorrendo a piedi questo storico cammino non si può non pensare che per Colombano il tutto iniziò via mare, salpando dal Nord dell’Irlanda, esattamente da Bangor. Percorrendo il tratto lombardo siamo in realtà quasi alla fine di questo incredibile cammino.
     
  2. Colombano, nel suo cammino a Milano, fu ricevuto dal Re Longobardo Agilulfo e dalla moglie, la Regina Teodolinda. Grazie alla protezione che gli dettero nel suo cammino, si fermò, scendendo verso Bobbio, in una località a cui dette il proprio nome: San Colombano.
     
  3. San Colombano, insieme ad alcuni dei suoi discepoli, si trattenne per circa un anno sul territorio Morbegnese della bassa Valtellina.
     
  4. A San Colombano al Lambro si produce un ottimo vino D.O.C. San Colombano, “il vino di Milano”, grazie all’ottima posizione e all’abbondante resa dei vitigni dei colli circostanti. Sorseggiate “el vin de Milan” in questo sito appartenente alla Città metropolitana di Milano (da cui dista più di venti chilometri),  incuneato fra le province di Lodi e di Pavia.
     
  5. Le motivazioni spirituali e religiose sono fondamentali nel percorrere questo cammino. Ma a esse si affiancano importanti attrattive dal punto di vista ambientale, paesaggistico, culturale, musicale, artigianale ed enogastronomico.

Dello stesso tema

Da Monza a Triuggio

La prima giornata del cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
Da Monza a Triuggio

Da Garlasco a Pavia

Quarta tappa della Via Francigena
  • Turismo religioso
Da Garlasco a Pavia

Il vino Franciacorta? Si produce in convento

Famosi e amati in tutto il mondo, i vini Franciacorta sono i compagni ideali di grandi occasioni, feste e momenti da ricordare
  • Turismo religioso
Guida ai conventi dove si produce il Franciacorta

La bottega monastica: dove peccare di gola in Lombardia

Guida per golosi nei monasteri della Lombardia
  • Turismo religioso
Guida per golosi nei monasteri della Lombardia

Da Robbio a Mortara

Seconda tappa della Via Francigena
  • Turismo religioso
Da Robbio a Mortara

Da Busto Arsizio a Rho

La diciottesima giornata del Cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
da Busto Arsizio a Rho

Chiese Lecco

Chiese, basiliche e santuari a Lecco e dintorni: un patrimonio religioso tra il romanico e il culto mariano
  • Turismo religioso
Chiese a Lecco, luoghi di fede

Dalla Certosa di Pavia a Pavia

La ventiseiesima ed ultima giornata del Cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
da Certosa di Pavia a Pavia

La produzione di distillati dei monaci

Le botteghe monastiche traboccano di prodotti realizzati dai religiosi: scopri con noi dove trovarle
  • Turismo religioso
Liquori e distillati: dove si comprano dai monaci in Lombardia

Da Ca' de Mazzi a Corte Sant'Andrea

Quinta tappa del Cammino dei Monaci
  • Turismo religioso
Quinta tappa del Cammino dei Monaci

La tradizione erboristica dei monasteri lombardi

Nei monasteri e nelle abbazie della Lombardia, saperi e sapori si traducono in prodotti di erboristeria di ottima qualità
  • Turismo religioso
Prodotti di erboristeria, dove acquistarli dai monaci in Lombardia

Chiese Sondrio

Lungo i sentieri di montagna, alla scoperta dei sentieri della fede
  • Turismo religioso
Chiese Sondrio, Lombardia da visitare

Dom Perignon e il Franciacorta

La strana storia del vino più famoso del mondo
  • Turismo religioso
La strana storia del vino più famoso del mondo

Da Maiano Sant'Angelo Lodigiano a Ca' de Mazzi

Variante Quarta tappa del Cammino dei Monaci
  • Turismo religioso
Variante Quarta tappa del Cammino dei Monaci

Da Pusiano a Cassago Brianza

La nona giornata del Cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
da Pusiano a Cassago Brianza

Esperienze

Imperdibili esperienze per lo spirito. E non solo
  • Turismo religioso
Imperdibili esperienze per lo spirito. E non solo

Il Cammino dei Monaci

Da Milano alla Via Francigena, attraverso il Po. Il cammino passa per tre parchi protetti, un’oasi WWF, monasteri e abbazie
  • Turismo religioso
Il Cammino dei Monaci

Turismo accessibile per la Via Regina

Suggerimenti di visita per persone con disabilità ed esigenze specifiche
  • Turismo religioso
Palazzo Gallio

Produzione di candele nei monasteri: laboratori e acquisti

Laboratori e acquisti di candele nei monasteri lombardi
  • Turismo religioso
Laboratori e acquisti delle candele nei monasteri lombardi

Chiese Cremona

Il turismo religioso è un'importante attrattiva del turismo italiano. Cremona non manca all'appello con chiese e santuari.
  • Turismo religioso
Chiese Cremona, Lombardia da visitare