• Food & Wine

Il dolce autunno lombardo

In Lombardia, ogni provincia vanta specialità dolciarie tipiche, ottenute mescolando con fantasia gli ingredienti di qualità che provengono dalla filiera agroalimentare regionale, una delle eccellenze del nostro Paese.

 

Farina, burro, uova e frutta - semplici interpreti della cucina casalinga - da secoli vengono trasformati con perizia in ciambelle, biscotti e creme squisite…

 

Dolci e dessert della cucina regionale lombarda
Torta di Rose mantovana, Pan dei Morti milanese, Tortionata lodigiana, bussolà bresciano, brisciola valtellinese…  Ecco i dolci d’autunno della tradizione lombarda, che con il loro gusto antico evocano, al primo morso, storie e leggende dei luoghi da cui provengono.  

 

Pan de Mej, Pan dei Morti e Castagnaccio: a Milano, non solo panettone
Se è vero che a Milano il re dei dolci è il Panetùn, è pur vero che la sua corte è alquanto numerosa! Il contadino Pan de Mej, detto anche pammeino o pangiada, è fatto con farina di miglio o mais e lascia in bocca l’aroma squisito dei fiori di sambuco di cui è cosparso. Intenso e ricco di sapori, il novembrino Pan dei Morti è invece arricchito con uvette, mandorle, fichi, cannella e vino passito. Il Castagnaccio, dolce diffuso in molte regioni la cui origine risale al ‘500, in Lombardia è chiamato anche piattona o baldino. Provate a farlo, la ricetta è molto semplice: mischiate 500 gr di farina di castagne con 200 ml di latte, un bicchiere d’acqua tiepida con un goccio di brandy e 3 cucchiai di olio, aggiungete pinoli, uvetta e zucchero, quindi mettete l’impasto su una teglia unta, adagiandovi due rametti di rosmarino. Infine, in forno a 180° per 1 ora. Squisito!

 

Dolci della tradizione nel Lodigiano
Poco lontana da Milano, Lodi regala alla gola due dolci di calibro. La Crema lodigiana rende onore al mascarpone, di cui la cittadina è considerata patria. Con uova, zucchero e rhum, nell’800 veniva servita con la mostarda di frutta, oggi è perfetta con biscottini o panettone e ideale nei giorni più freddi. 

Diffusa già nel tardo Medioevo, la Tortionata è fatta con burro, farina e mandorle. La sua ricetta venne codificata a fine ’800 dal pasticciere lodigiano Carlo Tacchinardi e il suo nome verrebbe da tortijon, fil di ferro attorcigliato difficile da tagliare quanto la torta, che si sbriciola e si mangia a pezzi, come la mantovana Sbrisolona.

 

La dolcezza è di casa a Mantova: la torta fiorita
Mantova è la regina dei dolci in Lombardia: dal Bussolano o bisulan, semplice e sodo ciambellotto da inzuppare nel vino, al natalizio Anello di Monaco con mandorle e nocciole, alla ricca Torta Elvezia, inventata dal pasticciere svizzero Putscher e che alterna a dischi di pasta di mandole, strati di zabaione e crema al burro…  La nostra preferita è però la Torta di Rose, composta da tante morbide corolle di pasta lievitata, ricca di burro e, pare, il dolce più famoso ai ricevimenti della Corte dei Gonzaga. 

Da Brescia a Sondrio: Bussolà e Bisciola
A Brescia, il Bussolà inizia a comparire a tavola con i primi veri freddi, per poi trionfare a Natale. Questa gustosa ciambella casalinga col buco, dolce tradizionale della città fatto con uova, burro e farina, ha origini medievali e deriverebbe dall’antico panis buccellatus cioè “pane bucato”. 

Origini leggendarie sono quelle della Bisciola, detta anche pan dei fichi o panettone valtellinese. Pare l’abbia creata a fine ’700 il cuoco di Napoleone per l’imperatore, che aveva invaso l’Italia e si trovava nelle valli sopra Sondrio. Gli ingredienti? Tutti del luogo: farina, frutta secca, burro, uova e miele.

 

Bergamo: la torta Donizetti per curare il mal d’amore
Tra i più celebri operisti dell’Ottocento, dai natali bergamaschi, Gaetano Donizetti ha lasciato all’umanità opere meravigliose e… anche una torta! La Torta del Donizetti è una ciambella soffice, arricchita con frutta candita, vaniglia e maraschino dal sapore inconfondibile. Narra la leggenda che Gioacchino Rossini, preoccupato per le pene d’amore dell’amico e collega, commissionò al proprio cuoco un dolce meraviglioso, che ne curasse il cuore affranto. In realtà, la ricetta fu dedicata dal pasticciere bergamasco Balzer al musicista, per celebrarne il centenario della morte, nel 1948. Certo è che la dolcezza è sempre la cura migliore, anche servita a fette!

-

Ph: Bisciola valtellinese - valtellina.it

Dello stesso tema

Peperone di Voghera

Il peperone di Voghera è una varietà autoctona e pregiata e merita una particolare attenzione per le sue particolari caratteristiche organolettiche
  • Food & Wine
Peperone di Voghera

Milano, capitale del gusto

Dalla metropoli ai campi arati, dai grattacieli alle cascine. Milano ospita mille culture, la terra intorno regala mille sapori
  • Food & Wine
Milano, capitale del gusto

Dove mangiare kosher a Milano

La cucina ebraica è una tavola dai mille sapori e senza confini perché frutto di innumerevoli contaminazioni
  • Food & Wine
Dove mangiare Kosher a Milano, qualche idea

La ricetta del giorno

Ogni giorno una nuova ricetta da provare della tradizione lombarda
  • Food & Wine
La ricetta del giorno: oggi si mangia...

Zucca Bertagnina di Dorno

, A Dorno, la coltura della zucca vanta una tradizione antica. In particolare storicamente veniva coltivata una zucca denominata “Bertagnina”.
  • Food & Wine
Zucca Bertagnina

Dove mangiare i piatti tipici varesotti

Le caratteristiche geografiche del varesotto si rispecchiano nelle ricette della gastronomia locale.
  • Food & Wine
Varese e dintorni: dove mangiare

East Lombardy

La Lombardia Orientale, Regione Europea della Gastronomia 2017
  • Food & Wine
East Lombardy

Vini della Valtellina

L'estrema varietà dei territori lombardi si riflette in un'ampissima gamma di vini rossi e bianchi assolutamente pregiati e famosi in tutto il mondo
  • Food & Wine
I vini valtellinesi da scoprire e degustare

Patata di Cencerate

  • Food & Wine
Patata di Cencerate

Ricetta Panettone

Il segreto della preparazione del panettone: uno dei dolci tipici della tradizione milanese
  • Food & Wine
Ricetta Panettone, assaggiare per credere

I formaggi della Lombardia

È proprio dalla Lombardia che provengono alcuni dei formaggi italiani più famosi in tutto il mondo
  • Food & Wine
I formaggi della Lombardia

Riso Pavese

La provincia di Pavia, Capitale Italiana del Riso
  • Food & Wine
Risotto

La zucca mantovana

Dalla buccia ai semi, la zucca è un vero “jolly” in cucina
  • Food & Wine
La zucca mantovana, prodotti tipici lombardi

I formaggi

Ben sei formaggi prodotti nel Cremonese hanno ottenuto il riconoscimento DOP (Denominazione di Origine Protetta): grana padano, provolone valpadana, taleggio, quartirolo lombardo, gorgonzola e salva cremasco.
  • Food & Wine
I formaggi

Oltrepò Pavese, le vie del gusto

Un’atmosfera rilassata e ben trentasei vini Doc. Una cucina tradizionale che affonda le radici nella storia.
  • Food & Wine
Salame di Varzi

Cantine a Broni

Ai piedi delle colline pavesi, Broni, dove il vino è poesia
  • Food & Wine
Degustazioni e cantine a Broni

Un po’ di Valtellina in tavola: gli sciatt

  • Food & Wine
Un po’ di Valtellina in tavola: gli sciatt

Strada del Vino e Sapori del Garda

Da Limone a Peschiera, nell’entroterra della sponda lombarda. In viaggio sulla strada del vino e dei sapori del Lago di Garda
  • Food & Wine
Strada del Vino e Sapori del Garda

Sapori tra Monza e Brianza

Il pesto di aglio orsino, l'asparago rosa di Mezzago, la patata bianca di Oreno: scopri i sapori tipici di Monza e Brianza.
  • Food & Wine
Sapori tra Monza e Brianza

Brasadè di Staghiglione

Ciambelle preparate con una ricetta di oltre 100 anni fà a Borgo Priolo
  • Food & Wine
Brasadé di Staghiglione