• Active & Green

Legnone, Pizzo Tre Signori e Valvarrone

La Valvarrone, attraversata dal torrente Varrone, è la parte più aspra e suggestiva della sponda orientale del Lario.

Abbracciata dai monti Legnone e Legnoncino, questa stretta valle offre un ambiente naturale ricco dal punto di vista della vegetazione e della fauna; sulle vette si aprono paesaggi e panorami unici sul Lago di Como e sulle Alpi. I paesi della valle sono un ottimo punto di partenza per facili escursioni lungo le antiche strade militari e attraverso pascoli e boschi di larici con angoli naturali di particolare bellezza da cui si godono splendide vedute.

Sui sentieri della Grande Guerra
Un interessante trekking tra natura e storia è l’itinerario che si snoda lungo il tratto della Linea Cadorna che percorre questa valle. Un cammino che racchiude al suo interno un patrimonio storico rilevante che porterà gli escursionisti a scoprire, lungo le pendici del Legnoncino, postazioni fisse per mitragliatrici, osservatori militari, camminamenti, gallerie e trincee che si estendono in piano coprendo tutto il versante settentrionale del monte. Un’altra escursione di circa 2 ore e mezza, adatta a tutti, è il sentiero che sale al rifugio Griera partendo da Pagnona, comune dell’alta Valvarrone.

Trekking sul “tetto” della valle
Da Premana, seguendo per un tratto il fiume Varrone, si può iniziare un cammino di circa 4 ore per arrivare prima al rifugio Casera Vecchia e poi proseguire fino al rifugio Santa Rita a 2000 metri di quota. Da qui parte un tracciato impegnativo adatto a chi ha buone gambe e una discreta preparazione fisica, con tratti attrezzati, fino alla Bocchetta di Piazzocco e al Pizzo Tre Signori. Sempre da Premana parte il sentiero per i laghetti di Deleguaggio. Occorrono 2 ore per arrivare all’Alpe e da qui un’altra ora di cammino per giungere al Lago Inferiore. La bella conca del Lago Superiore richiede ancora 30 minuti di cammino. Da qui si può proseguire fino alla cima del Pizzo Alto dal quale si può vedere la Valvarrone e la Valsassina, la dorsale orobica - in particolare il Pizzo Rotondo e il Pizzo dei Tre Signori -, la Valtellina e le granitiche cime della Val Masino, oltre al Monte Legnone, la Mesolcina meridionale e sullo sfondo il Gruppo del Rosa.

In sella tra borghi e boschi
Un itinerario sicuramente degno di nota è l’anello che da Dervio porta ad attraversare i borghi della Valvarrone, continuare nei boschi fino a Pagnona e giungere a Premana, dove, dopo l’ultima impegnativa salita verso il Colle di Piazzo, inizia la discesa verso la Valsassina in direzione Taceno, Bellano e con arrivo di nuovo a Dervio. Il giro è lungo 45 chilometri. Altro itinerario interessante è quello che parte da Vestreno, costeggia il bacino d’acqua della centrale elettrica di Dervio e raggiunge il santuario della Madonna di Bondo. Da qui si pedala sino alle località dei monti di Dorio, in mezzo a verdi boschi ricchi di castagne e funghi, toccando Vezzee Sparesee con belle vedute sul lago per poi scendere sino a Posallo di Colico. I più esperti e spericolati amanti del freeride possono invece percorrere la spettacolare discesa da Giumello a Dervio, oppure quella che si addentra nella selvaggia Val Marcia per arrivare fino al Lago di Losa. Sono sentieri che presentano discese difficili e pendenze molto accentuate. Nei casi citati sono necessarie biciclette adatte al downhill e protezioni. Si suggerisce di intraprendere l’escursione con una guida di mountain bike. Coloro che, invece, sono a corto di preparazione, possono noleggiare biciclette con pedalata assistita a Premana e percorrere i sentieri verso l’Alpe Campo e Alpe Premaniga.

 

5 motivi per...

1. Sport. La terrazza naturale del Monte Giumello, punto di decollo per fantastici voli in parapendio, è raggiungibile dopo aver oltrepassato le frazioni di Indovero e Narro.

2. Storia. In località Mai, sopra Dervio, sorgono alcuni ruderi ancora conservati del Castelvedro, fortificazione medioevale del V-VI secolo. Abbarbicato su una rupe si trova invece il Castello di Orezia, di cui attualmente rimane un torrione ancora in buono stato.

3. Tempo libero. Nelle acque pulite del Varrone è possibile pescare trote. I pescatori si possono anche cimentare in gare di pesca, organizzate dalle locali associazioni, che provvedono al ripopolamento del fiume.

4. Enogastronomia. Sulle tavole dei rifugi si possono gustare piatti genuini e tipici: dalla selvaggina locale agli squisiti funghi porcini conditi con l’olio d’oliva del Lario. In alternativa si può scegliere un bel piatto di polenta taragna con i gustosi formaggi degli alpeggi.

5. Shopping. La storia di Premana è da sempre legatam al ferro, un materiale che ha fatto la fortuna dei suoi abitanti tanto da portare Premana ad eccellere, a livello mondiale, nel mercato produttivo degli articoli da taglio. Entrare in una coltelleria del borgo significa riscoprire il fascino dell’artigianato.

Dello stesso tema

Parco Visconteo

Lo splendore e lo sfarzo medioevale rivivono nella Pavia odierna.
  • Active & Green
Parco Visconteo

Bosco di Suzzara

Un bosco urbano nel Comune di Suzzara, realizzato per ricreare un ambiente tipico della pianura padana di un tempo.
  • Active & Green
Bosco di Suzzara

Parco delle Noci

Il Parco delle Noci, sito a Melegnano, è una delle prime Oasi Urbane realizzate in Italia.
  • Active & Green
Parco delle Noci

5 cose da fare a Domaso

Un luogo incantevole per la tua vacanza attiva sul Lago di Como
  • Active & Green
domaso cose fare

Alta via della Valmalenco - 1 Prima tappa

Torre Santa Maria (frazione Ciappanico) - Alpe Piasci - Rif. Cometti (1720 m) - Arcoglio sup (2123 m) - Cima Bianca (2490 m) - Rif. Bosio (2086 m)
  • Active & Green
Alta via della Valmalenco - 1 Prima tappa

Sentiero del Larice millenario

L’albero più vecchio delle Alpi è in Lombardia? Scopriamolo con un’escursione insolita fra i panorami mozzafiato della Valmalenco
  • Active & Green
Sentiero del Larice millenario

Alpinismo in Valmalenco

Dire Valmalenco e pensare alpinismo è tutt’uno. Sì, perché non c’è angolo della valle che non possa essere teatro di qualche bella ascensione.
  • Active & Green
Cresta delle Belleviste - Valmalenco

Sport estremi in Lombardia

Rafting, Kitesurf, scalate sul ghiaccio... Esperienze ad alto tasso di adrenalina. Guida a 9 sport estremi in Lombardia
  • Active & Green
Sport estremi in Lombardia

Parco della Brughiera Briantea

Parco che si estende nel territorio tra Milano e Como e rappresenta una delle più vaste aree forestali della pianura lombarda.
  • Active & Green
Parco della Brughiera Briantea

MTB - Il sentiero Rusca - ciclopedonale

Sondrio, Ponchiera, Arquino, Valdone, Il Prato, Tornadù, Torre Santa Maria, S.Anna, Basci, Vassalini a Chiesa Valmalenco - ritorno a Sondrio
  • Active & Green
MTB - Il sentiero Rusca - ciclopedonale

Pattinaggio su ghiaccio

A tutti gli appassionati di pattinaggio l'area Sondrio-Valmalenco offre ben tre diverse piste di pattinaggio.
  • Active & Green
Pattinare in Valmalenco

Greenway del Lario

Alla scoperta di paesaggi inaspettati sul Lago di Como
  • Active & Green
Greenway del Lario

Alta via Valmalenco

L'Alta Via della Valmalenco è un percorso escursionistico in quota costituito da 8 tappe per circa 110 km, che alla fine riporta al punto di partenza.
  • Active & Green
Alta via Valmalenco

Yoga a Parco Sempione

Un oasi verde a Milano.
  • Active & Green
Yoga a Parco Sempione

Pic nic in Lombardia

8 mete facili per un pic nic in Lombardia. Sulle spiaggette dei nostri laghi, al fresco dei boschi, in compagnia dei dinosauri!
  • Active & Green
panorama sondrio

Kitesurf in Lombardia

Sfruttare la corrente del vento e planare sull’acqua. Dal Garda al lago Maggiore, ecco dove fare Kitesurf in Lombardia
  • Active & Green
Windsurf, Lago di Como

Giardini Bergamo

Un viaggio indimenticabile tra le meraviglie del paesaggio bergamasco
  • Active & Green
Giardini Bergamo, Lombardia da visitare

Fattorie didattiche in famiglia

Un'occasione unica per riavvicinarsi alla natura e ai suoi ritmi
  • Active & Green
Lodi, domenica in fattoria con tutta la famiglia

Alta via della Valmalenco - 2 seconda tappa

Rif Bosio (2086 m) - A Mastabbia (2077 m) - A Giumellino (1756 m) - Laghetti Sassersa (2369 m) - Passo Ventina (2675 m) Alpe Ventina (1960 m)
  • Active & Green
Laghi Sassersa

Parchi Naturali di Varese

Un colore predominante del territorio della provincia di Varese è il verde dei boschi, dei parchi e dei giardini...
  • Active & Green
Immersi nella natura, a piedi o in mountain bike