• Active & Green
    • Montagne
    • Food & Wine

L’indimenticabile esperienza di una vacanza in rifugio

I rifugi della Lombardia sono più di 200, piccoli a conduzione famigliare o più grandi, per offrire ogni comfort. Si raggiungono in auto, a piedi, con funivie e seggiovie e regalano l’emozione unica delle montagne d’alta quota.

 

Se quello che conta è il percorso del viaggio e non solo l’arrivo, scegliere la montagna significa affrontare un’avventura piena di emozioni sin dall’inizio. Le montagne lombarde, splendide in inverno con le loro cime e le discese innevate, regalano panorami altrettanto stupendi in estate. E soprattutto, un immediato sollievo dal caldo della pianura. Saliamo in quota, allora: non abbiamo che da scegliere dove. In Lombardia, le zone alpine rappresentano più del 40% del territorio regionale. Oltre 200 rifugi alpini, immersi nell’abbraccio della natura, ci aspettano per esplorare l’infinita rete di sentieri, i percorsi di trekking e mountain-bike, le migliori palestre di roccia per arrampicare, respirando l’aria più pura. 

In gita al rifugio, tra divertimento e avventura
Oggi l’ospitalità montana si è rinnovata ed è tutta da scoprire: i rifugi della Lombardia, ottime basi per escursioni a piedi, in bici, a cavallo e salite in roccia, sono spesso anche eccellenti ristoranti, dove gustare i sapori genuini delle specialità enogastronomiche montane. Troverete strutture a conduzione famigliare, intime e raccolte, altre più grandi, adatte a soggiorni lunghi, rifugi raggiungibili con una camminata, in funivia o seggiovia… Quasi tutti i rifugi hanno un sito e sono individuabili sul portale Rifugi di Lombardia, realizzato da Assorifugi e Regione Lombardia. 

Qualche consiglio prima di partire
Quest’estate, in tutti i rifugi lombardi è necessario prenotare - dal pranzo al soggiorno - e fino al 31 luglio, avere con sé la mascherina, obbligatoria nei luoghi chiusi. In montagna nulla può essere improvvisato: programmate la vostra visita e siate pronti a un possibile cambio del tempo, preparando con cura lo zaino. Un po’ di spirito d’adattamento è d’uopo: se trascorrete la notte in rifugio, portate il sacco lenzuolo o biancheria da letto… Rispettate l’ambiente, non sprecate l’acqua, raccogliete i vostri rifiuti e la montagna ricambierà il vostro amore.

 

Al rifugio in un’ora e mezza di cammino
Volete raggiungere un rifugio con una passeggiata non troppo impegnativa? Inserito nel Parco Regionale della Grigna Settentrionale il Rifugio Monza Bogani, il primo costruito sul Grignone, è stato edificato nel 1905 in un bosco di larici a quota 1816, sul versante Nord della montagna. Per raggiungerlo, dovete partire dall'Alpe Cainallo, appena sopra Esino Lario (Lecco) e prendere il sentiero per la bocchetta di Prada. Potrete poi proseguire in costa fino all’Alpe di Moncodeno o seguire per la cresta di Piancaformia, continuando per la Val Laghetto. In un’ora e mezza sarete arrivati, pronti per gustare le tradizionali patole (ravioloni di patate ripieni di carne), pizzoccheri, polenta da accompagnare con i formaggi d’alpeggio e il brasato. 
Maggiori informazioni

Salendo in quota in funivia
A quota 1700 sui Piani di Artavaggio (Lecco), il Rifugio Sora Casari fu edificato nel 1950 da Angelo Casari, famoso per aver partecipato alla spedizione Nobile del 1928, al Polo Nord, col dirigibile Italia. In memoria dell’evento, il rifugio custodisce molti reperti, tra questi, un esemplare imbalsamato di orso bianco. Il Sora Casari si raggiunge da Moggio, in Valsassina, in funivia o a piedi, percorrendo il sentiero 24 “Vallone” in 1 ora e 40 minuti.  Ci si arriva anche da Barzio, con la funivia per i Piani di Bobbio o a piedi in 2 ore circa, con la vicina carrareccia che risale gli 850 metri di dislivello, adatta anche ai MTBikers. In estate, il rifugio è un ottimo punto di partenza per escursioni, arrampicate e un bel percorso ad anello, il periplo dello Zuccone Campelli. 
Maggiori informazioni

Val Brembana: divertimento in altura
Se amate le vacanze in movimento - uscite a cavallo, salite in mountain bike, percorsi di north walking, lunghe passeggiate ed escursioni - ma anche le serate con musica e balli, il Rifugio Terrerosse in Val Carisone, nell’Alta Val Brembana a quota 1815, fa per voi. Raggiungibile in seggiovia da Carona (Bergamo) o a piedi, da Carona o Foppolo, in 1 ora e 30, il rifugio offre il comfort delle sue belle camere, piatti tipici, ottimi vini e tanto divertimento, grazie alle numerose attività organizzate. Non preoccupatevi per l’attrezzatura necessaria: è tutta noleggiabile sul posto.
Maggiori informazioni

Vacanza di gusto sul ghiacciaio 
Ecco un luogo magico, nel Parco Nazionale dello Stelvio a quota 2.200, dove ammirare il ghiacciaio dei Forni e dedicarsi allo sport nelle valli dei Forni e Cedec.  Al Rifugio Forni si arriva da S. Caterina Valfurva (Sondrio) in auto, a piedi (in 1 ora e 20 minuti) o in mtb (in 50 minuti). Il rifugio, immerso nella magnifica natura delle Alpi del Gruppo Ortles Cevedale, ha anche un ottimo ristorante. I piatti valtellinesi sono preparati da chef che interpretano le ricette della tradizione con grande creatività. Dopo una giornata tra le vette, deliziatevi con gnocchi di castagne, ravioli di farina di segale, zuppe alle erbe montane, polenta e salmì di cervo e i migliori vini della Valtellina.
Maggiori informazioni 

Il posto giusto per arrampicare
Nel cuore delle Alpi Orobie valtellinesi e bergamasche, il Rifugio Salmurano, in Valgerola, si trova in un’area dove climber più o meno esperti e allenati possono praticare l’arrampicata sportiva, scegliendo palestre di roccia attrezzate e con vari gradi di difficoltà, come quella dei Denti della Vecchia. L’avventura può iniziare da valle, a Pescegallo (Gerola Alta, Sondrio), prendendo la seggiovia, il percorso turistico o sentieri più impegnativi: il 108 che parte da Cusio Lo Scioc e il GVO che inizia a Passo San Marco.  Partenza da Gerola Alta se siete in mtb. Ad attendervi al rifugio, troverete le migliori proposte della gastronomia della Valtellina.
Maggiori informazioni

-

Ph VISORE: rifugioterrerosse.it

Dello stesso tema

Parco della Brughiera Briantea

Parco che si estende nel territorio tra Milano e Como e rappresenta una delle più vaste aree forestali della pianura lombarda.
  • Active & Green
Parco della Brughiera Briantea

Le Bine

Volete vedere la rana di Lataste, uno degli anfibi più rari d'Europa, allora venite alla riserva naturale Le Bine.
  • Active & Green
Riserva Naturale Regionale Oasi Le Bine

Alla scoperta dei campi di lavanda in Oltrepò Pavese

Non solo Provenza: anche in Oltrepò è possibile trovare distese di lavanda
  • Active & Green
Fattoria Cabanon Godiasco - Oltrepò Pavese (PV)

Ciaspolata Prato Valentino: Anello Dosso Laù

Silenzio ovattato, inebriante profumo di bosco, tracce di animali selvatici sulla neve e fantastici panorami. È quanto si può godere compiendo un'attività fisica alla portata di tutti e poco dispendiosa: le escursioni con le racchette da neve.
  • Active & Green
Ciaspolata Prato Valentino: Anello Dosso Laù

Tra parchi, boschi e brughiere, mini tour nella bassa comasca

  • Active & Green
Parco Appiano Gentile

Legnone, Pizzo Tre Signori e Valvarrone

Stretta, selvaggia e dominata dalla cima del Legnone, la Valvarrone sembra fatta su misura per chi ama la montagna più aspra
  • Active & Green
Legnone, Pizzo Tre Signori e Valvarrone

Scopri Sporty!

L’ App di Regione Lombardia dedicata agli appassionati di sport e turismo di montagna
  • Active & Green
Escursionismo sulla neve a Bormio

Monte San Primo e il Palanzone

Sulle cime più alte del Triangolo Lariano per ammirare un panorama a 360° su Alpi e pianura padana
  • Active & Green
Monte San Primo e il Palanzone

Passeggiata Teglio - Verida - Palama - Ravarola - Teglio

Semplice passeggiata che attraversa il caratteristico ambiente rurale di media montagna, dove si alternano campi coltivati, prati, vigne e frutteti. A seconda delle stagioni, si possono osservare le coltivazioni tipiche telline di patate, orzo, segale e grano saraceno.
  • Active & Green
Passeggiata Teglio - Verida - Palama - Ravarola - Teglio

Giardini Bergamo

Un viaggio indimenticabile tra le meraviglie del paesaggio bergamasco
  • Active & Green
Giardini Bergamo, Lombardia da visitare

Gita con la famiglia al Parco Le Cornelle

Un luogo unico nel suo genere, adatto per trascorrere intere giornate in compagnia dei bambini, che qui si divertono stando all'aria aperta e imparando a conoscere la natura
  • Active & Green
Parco Le Cornelle, Natura Lombardia

Il Lodigiano

Territorio ricco di testimonianze di storia, arte e cultura.
  • Active & Green
Il Lodigiano

Il parco dello Stelvio, Bormio e la Valdidentro

Passeggiate e trekking impegnativi nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio tra natura incontaminata e a stretto contatto con la fauna alpina
  • Active & Green
Il parco dello Stelvio, Bormio e la Valdidentro

Quattro passi per tutti

Oltre a molti rifugi della Valmalenco, facilmente raggiungibile dalle famiglie e da chi per la prima volta si avvicina al mondo dell'escursionismo, segnaliamo di seguito qualche semplice itinerario adatto a tutti
  • Active & Green
Quattro passi per tutti

La pianura cremonese a ritmi lenti

Un territorio da esplorare tra parchi, fiumi, riserve naturali, cascine e buona tavola.
  • Active & Green
La pianura cremonese a ritmi lenti

Parchi e giardini da scoprire online

Tour virtuali green in Lombardia
  • Active & Green
Parchi e giardini da scoprire online

La Bergamasca in un tuffo

Laghi e fiumi: qualità dell’acqua? Eccellente!
  • Active & Green
La Bergamasca in un tuffo

Passeggiata Teglio - San Rocco - Mulini

Facile itinerario che permette di ammirare due interessanti espressioni dell'arte sacra locale e un bellissimo panorama della Valtellina.
  • Active & Green
Mulino Menaglio Teglio di Valtellina

Visitare il Parco Oglio Nord

Un Parco tutto da scoprire, nel cuore della Pianura Padana, che custodisce tratti di ambienti di sicuro pregio naturalistico.
  • Active & Green
Dal Sebino alla scoperta del Parco Oglio Nord

Quattro escursioni panoramiche sul Lago di Como

  • Active & Green
Triangolo lariano