• Arte e Cultura
    • Laghi
    • Parchi

Due giardini per due artisti a Gardone Riviera

Il Giardino non è pura Natura. O meglio, lo è ad un primo sguardo ma, superata l’apparenza, il giardino si rivela terra di confine tra Natura ed Artificio.

Luogo in cui la “natura spontanea” viene stravolta per essere sostituita da una “natura addomesticata”, specchio di chi la crea e della sua epoca. Un prodotto dell’intelletto, non molto diverso da una poesia, un quadro, una statua. Insomma un’opera d’Arte.

E’ così anche per i due giardini più famosi di Gardone Riviera: il Vittoriale e il Giardino botanico Heller. Sintesi entrambi di personalità artistiche dalle mille sfaccettature e di epoche storiche che più diverse non si può.

Il Vittoriale ospitò, negli ultimi anni della sua vita, Gabriele d’Annunzio che lo rese ciò che è: “un testamento d’anima e di pietra”. Qui tutto parla del poeta che volle fare della sua vita un’opera d’Arte. Nella cittadella dannunziana, che si presenta come un borgo fortificato a tratti da merlature, l’eco delle memorie classiche dalla penna del Poeta si diffonde nel teatro greco e nelle sculture di ieri e di oggi e riemerge nelle forme regolari e simmetriche di frutteto e limonaia.

Si mischia, poi, a quello del mondo celtico che risuona in un “boschetto sacro” di magnolie sotto cui 27 colonne formano un cerchio di pietra, mentre una vera nave (la nave Puglia, dono di Mussolini) sembra aspettare le spoglie del suo condottiero per salpare verso l’Aurora, dove riposano gli eroi.

Lungo i percorsi che ascendono la collina, armi, proiettili e massi di guerra li punteggiano, mentre sul colmo un mausoleo a tumulo omaggia i caduti dell’impresa di Fiume come gli antichi imperatori di Roma.

Se qui si celebra la Guerra come riscatto di una “vittoria mutilata” e l’eroismo del soldato, non lontano, nel Giardino Botanico Heller, si inneggia alla Pace. 

Artista multimediale dalla creatività pirotecnica, Andrè Heller acquistò nel 1988 la villa del dottor Arthur Hruska, dentista dell’ultimo Zar, trasformandolo in un “bosco” incantato di piante e paesaggi provenienti dai quattro angoli della terra: Sud America, Europa, Asia, Australia, che raccontano di un mondo globalizzato ma ecologico, attento al valore della Natura.

Lungo sentieri tortuosi e segreti del Giardino Botanico Heller, statue di divinità orientali si affacciano come in un pantheon dedicato alla pace universale, voce di un ideale di non-violenza figlio degli orrori delle guerre del ‘900.

Flussi di immagini si coagulano a tratti intorno a grandi e piccole sculture di arte contemporanea: Lichtenstein, Mirò, Haring… testimoniano tutte rapporti personali di amico o collezionista lungo tutta la seconda metà del XX secolo.

Al centro due Geodi d’ametista, vere opere d’Arte della Natura, richiamano il Mondo dei Cristalli Swarovski, ultima opera di cui André Heller è stato autore e regista.
Una passeggiata in giardino diventa così un viaggio: nel tempo, nelle idee e nelle emozioni.


Testo a cura di DEBORA LO CONTE, guida abilitata ConfGuide-GITEC 

Se questo racconto ti è piaciuto, CLICCA QUI per scoprire le sue varie proposte d'itinerario.

Portami qui: Due giardini per due artisti a Gardone Riviera

Dello stesso tema

Mantova capitale cultura 2016

Mantova città d'arte, capitale della cultura
  • Arte e Cultura
Mantova capitale italiana della cultura 2016

L'ISOLA DEI MONASTERI

  • Arte e Cultura
L'ISOLA DEI MONASTERI

La Leggenda dei Sette Fratelli

Un suggestivo racconto di otto fratelli, legati tra loro, che vivevano nel lecchese
  • Arte e Cultura
Leggende nel lecchese: i Sette Fratelli

A spasso per il Parco Agricolo sud-est di Milano

  • Arte e Cultura
Parco Agricolo Sud Milano

Teodolinda, il vino e le vigne scomparse

  • Arte e Cultura
Teodolinda, il vino e le vigne scomparse

10 motivi per visitare Como

Le mura medievali. Il Tempio Voltiano. Trekking in montagna. Mini-crociere sul lago. Ecco 10 buoni motivi per visitare Como
  • Arte e Cultura
10 motivi per visitare Como

Varese UNESCO

4 siti UNESCO, indissolubilmente legati al paesaggio: Monte San Giorgio, Isolino Virginia, Monastero di Torba, Sacro Monte di Varese.
  • Arte e Cultura
Maestro di Castelseprio

Lo spettacolo arriva a casa

Musica, teatro e cabaret sui pianerottoli di casa
  • Arte e Cultura
Lo spettacolo arriva a casa

Il Museo del Violino

su Google Arts & Culture!
  • Arte e Cultura
Il Museo del Violino

Visite by night

A luglio e agosto scoprire by night la Città Murata in una suggestione di luci e fuochi
  • Arte e Cultura
Pizzighettone by night

L'eredità longobarda di Pavia

Un viaggio alla scoperta dell’antica civiltà dei Longobardi, attraverso la storia della città di Pavia.
  • Arte e Cultura
L'eredità longobarda di Pavia

Lombardia in 5 Castelli

Fortezze inespugnabili, con suggestivo affaccio sul lago o abitate da misteriosi fantasmi. Cinque castelli da non perdere in Lombardia
  • Arte e Cultura
Lombardia in 5 Castelli

Milano e Lago di Como

Milano, una città dalle mille storie. E una gita fuoriporta, sul Lago di Como
  • Arte e Cultura
Milano_Como

La Leggenda della Giubiana

La festa della Giubiana è una tradizione molto popolare in Lombardia
  • Arte e Cultura
Leggende nel comasco: la Giubiana

Itinerario romanico-gotico a Lodi

  • Arte e Cultura
Itinerario romanico-gotico a Lodi

FieraMilano, un capolavoro di vetro e acciaio

Un luogo di scambio e d'incontro, palcoscenico dei maggiori appuntamenti fieristici internazionali
  • Arte e Cultura
FieraMilano, Monumenti Milano

Musei Lodi

La realtà museale di Lodi si presenta eterogenea. Conserva collezioni naturalistiche e scientifiche, archeologiche e d’arte
  • Arte e Cultura
Musei Lodi, Lombardia da visitare

Milano (non solo) Prima alla Scala

  • Arte e Cultura
Galleria Vittorio Emanuele - Milano

Violoncello Amaryllis Fleming

Un nuovo capolavoro al Museo del Violino
  • Arte e Cultura
Violoncello Amaryllis Fleming

Vaprio d'Adda

A metà strada tra Bergamo e Milano è situato sul confine tra le due province segnato dal fiume Adda, sul versante milanese
  • Arte e Cultura
Vaprio d'Adda