• Turismo religioso
    • Arte e Cultura
    • Borghi

Alla scoperta di un luogo mistico… a Tirano

Percorrendo questa facile passeggiata potrai giungere in un luogo assolutamente tagliato fuori dal caos e godere di un meraviglioso panorama e fare un viaggio nel passato…Ma procediamo con ordine!

 

Dove siamo? A Tirano, cittadina situata al margine orientale del piano della media Valtellina, ben conosciuta perché punto di partenza della famosa linea della Ferrovia Retica patrimonio Unesco (il trenino rosso per intenderci), ma spesso sentita solo come punto di transito sulla strada verso i paradisi sciistici dell'alta Valtellina.
Eppure, proprio per la sua posizione strategica alla confluenza fra la Val Poschiavo e la Valtellina, a pochi chilometri in linea d'aria dal Bresciano, Tirano è stata per secoli al centro delle vicende storiche valtellinesi.

In questo contesto il luogo di cui voglio parlarti ricorda da vicino la funzione di “tramite” di queste zone e in particolare quella dell’ospitalità: voglio portarti allo Xenodochio e alla Chiesa di S. Perpetua.

Arrivarci non è difficile né, tanto meno, lungo o faticoso. Si parte dalla SS 38 imboccando una stradina, Via Ragno, che si stacca sulla sinistra (direzione Sondrio-Tirano) poco prima del grande edificio color mattone della Centrale idroelettrica di Villa di Tirano. Si segue la strada per circa 200 metri per poi voltare a destra in una ripida e stretta stradina che, dopo essere passata fra alcune case, giunge ad un tornante sul quale si trova una palina con cartellini indicatori escursionistici. Si imbocca, quindi, la strada che dal tornante volge verso destra (Nord-est). Si passa sopra la condotta forzata della Centrale continuando, in leggera salita, fra i vigneti mentre il panorama su Tirano si apre. La stradina altro non è che l'antica mulattiera che conduceva in Val Poschiavo, al Passo del Bernina e poi in Engadina
La salita ci porta a lambire anche un vecchio palazzetto che, sebbene in abbandono, colpisce per l'eleganza e la solidità della sua struttura. Purtroppo rimangono solo poche tracce degli affreschi che decoravano le sue facciate, ma, nel complesso, la costruzione ha mantenuto una sua forte personalità che non può lasciarci indifferenti; anzi questo luogo è chiamato dai tiranesi Cà dei Spìrit (casa degli spiriti) e custodisce il terribile segreto di una delle tante battaglie tra il Diavolo, incarnatosi in un nero enorme ragno e la Vergine Maria. Superata questa costruzione, unica superstite di un piccolo agglomerato di case, in pochi minuti si giunge nel punto in cui il cemento del fondo stradale torna a lasciare il posto all'acciottolato originario della mulattiera. Siamo ora di fronte alla nostra meta.

La chiesa romanica di Santa Perpetua sorge a picco su una rupe posta all'imbocco della Val Poschiavo, sulla sua destra idrografica. Da lassù si domina la piazza del Santuario della Madonna di Tirano e tutto l'abitato. Questo santuario è uno dei monumenti religiosi più importanti della provincia di Sondrio, sorto nel 1509, nel luogo in cui, l'anno precedente, la Santa Vergine era apparsa al Beato Mario Omodei ed è il luogo più visitato e famoso di Tirano.
La chiesetta di S. Perpetua, che invece non viene aperta con regolarità vista la scarsità dei visitatori, risale al secolo XI, è stata per centinaia d'anni punto nodale del sistema di comunicazione che, attraverso il Bernina, univa le valli del Reno e dell'Inn con la Valtellina e il Bresciano. Accanto all'edificio sacro sono ancora visibili le mura dello xenodochio che fungeva da ostello e punto di ristoro per viandanti, pellegrini e mercanti. Sulla stessa via, costoro potevano ulteriormente fermarsi allo xenodochio di San Romerio, in Val Poschiavo, e a quello annesso alla chiesa di San Pietro, nei pressi del valico dell'Aprica.
 

Il piccolo semplicissimo edificio, ad aula unica absidata, e campanile a cella bifora, ha rivelato, durante i restauri del 1987, nell’abside un ciclo di affreschi rimasti sino a quel momento nascosti sotto gli strati di scialbo. Sulla parete, interrotta da due aperture a monofora, alla quale è ancora addossato l'antico altare in muratura, è la santa titolare (individuata dalla scritta "S. Perpetua") in posizione frontale, con le braccia alzate nella posizione dell'orante; a sinistra è san Pietro ("S. Petrus"), accompagnato da un altro apostolo non identificabile, al quale faceva probabilmente seguito un secondo, scomparso per l'apertura di una porta; a destra è san Paolo ("S. Paulus") con accanto gli apostoli Matteo e Giuda ("S. Mafeus", "S. Iudas"). Nella fascia inferiore è un velario dipinto, decorato con grandi stelle.

Nell'arco, invece, si vede una Annunciazione realizzata in uno stile più recente di quello delle figure dell’abside. Nel catino absidale doveva trovarsi un Cristo benedicente in mandorla. Le figure, caratterizzate da una grande forza espressiva e da vigore plastico, esaltati dalla gamma equilibrata dei colori, con dominanti grigio-blu e arancio-giallo, sono tutte collocabili nell'arco del XII secolo, e risultano fra le più antiche opere pittoriche della Valtellina.

La particolarità e il sapore antico di questi affreschi, uniti alla suggestiva posizione del complesso di accoglienza un tempo gestito da monaci che dedicavano le loro forze alla lavorazione delle vigne circostanti, piegando e modellando il paesaggio attraverso i tipici terrazzamenti, ti trasporterà sicuramente in un viaggio nel tempo…se vorrai essere condotto “per mano” alla scoperta di questo e altri luoghi…contattami!

-

(Immagine di copertina: valtellina.it)

Testo a cura di SARA NUZZI, guida abilitata ConfGuide-GITEC 

Se questo racconto ti è piaciuto, CLICCA QUI per scoprire le sue varie proposte d'itinerario.


Dello stesso tema

Da Monza a Triuggio

La prima giornata del cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
Da Monza a Triuggio

La Via Francisca del Lucomagno

Lungo la Via Francisca del Lucomagno, il medioevo risorge in un Cammino d’altri tempi. Tra montagne e natura incontaminata
  • Turismo religioso
Via Francisca del Lucomagno

Da Robbio a Mortara

Seconda tappa della Via Francigena
  • Turismo religioso
Da Robbio a Mortara

Chiese Lecco

Chiese, basiliche e santuari a Lecco e dintorni: un patrimonio religioso tra il romanico e il culto mariano
  • Turismo religioso
Chiese a Lecco, luoghi di fede

Itinerario Linea Cadorna

Il sentiero della pace. Da cammino difensivo a itinerario naturale
  • Turismo religioso
Itinerario Linea Cadorna

Lodi, luoghi dell'anima

Nel lodigiano, la rete ciclabile ha raggiunto la formidabile lunghezza di circa 250 chilometri
  • Turismo religioso
Lodi luoghi dell'anima

Da Airuno a Montevecchia

La dodicesima giornata del Cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
da Airuno a Montevecchia

Cammini della Regina

Percorsi storici da Coira a Como
  • Turismo religioso
Percorsi storici da Coira a Como

Il Cammino di San Colombano

La Via di San Colombano è il percorso che, attraversando l’intera area della Lombardia Orientale, conduceva un tempo sino a Bobbio
  • Turismo religioso
Il Cammino di San Colombano

Cammino dei Monaci

Quinta tappa della Via Francigena Renana
  • Turismo religioso
Cammino dei Monaci

Cucina medievale all'Abbazia di Morimondo

Esperienze gastronomiche all’Abbazia di Morimondo
  • Turismo religioso
Esperienze gastronomiche all’Abbazia di Morimondo

Da Ca' de Mazzi a Corte Sant'Andrea

Quinta tappa del Cammino dei Monaci
  • Turismo religioso
Quinta tappa del Cammino dei Monaci

La Strada Cluniacense della Franciacorta

Alla scoperta delle Abbazie cluniacensi
  • Turismo religioso
La Strada Cluniacense della Franciacorta

Da Montevecchia a Imbersago

La tredicesima giornata del Cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
da Montevecchia a Imbersago

Il Cammino dei Monaci

Da Milano alla Via Francigena, attraverso il Po. Il cammino passa per tre parchi protetti, un’oasi WWF, monasteri e abbazie
  • Turismo religioso
Il Cammino dei Monaci

Da Pavia a Santa Cristina e Bissone

Quinta tappa della Via Francigena
  • Turismo religioso
Da Pavia a Santa Cristina e Bissone

La tradizione erboristica dei monasteri lombardi

Nei monasteri e nelle abbazie della Lombardia, saperi e sapori si traducono in prodotti di erboristeria di ottima qualità
  • Turismo religioso
Prodotti di erboristeria, dove acquistarli dai monaci in Lombardia

Da Mortara a Garlasco

Terza tappa della Via Francigena
  • Turismo religioso
Da Mortara a Garlasco

Maggio nei luoghi della fede

La Badia di Ganna e il Sacro Monte di Varese tra le 12 perle di Lombardia Cristiana
  • Turismo religioso
Lombardia Cristiana

Da Maiano Sant'Angelo Lodigiano a Ca' de Mazzi

Variante Quarta tappa del Cammino dei Monaci
  • Turismo religioso
Variante Quarta tappa del Cammino dei Monaci