• Lifestyle

Lombardia, Ciak! Si gira

Città, laghi e paesaggi protagonisti di grandi film. Grandi produzioni e film d’essai. Ciak! Si gira: per la Lombardia cinematografica

L’immaginario cinematografico ha da anni conquistato i paesaggi lombardi. Non si contano le innumerevoli ambientazioni milanesi. 

Ma altrettanto frequenti e significativi sono gli scenari provinciali, quelli più domestici e dimessi, quelli aristocratici ed esclusivi delle grandi dimore storiche sui laghi. Iniziano proprio da qui, dalle ville di delizia divenute location di celebri film.

Nel 1932 lo storico Grand Hotel di Tremezzo ha dato il titolo a una pellicola americana girata da Edmond Goulding, con protagonisti gli allora divi del cinema hollywoodiano Greta Garbo, John Barrymore e Joan Crawford. Dieci anni dopo, nel 1942, nell’atmosfera un po’ cupa della Villa Pliniana, a Torno sul Lago di Como, Mario Soldati girò “Malombra”, tratto dall’omonimo romanzo di Antonio Fogazzaro.

Ma è nel 2002, quando George Lucas scelse di ambientare nella Villa del Balbianello a Lenno (oggi di proprietà FAI) la famosa scena del bacio tra Anakin Skywalker e la principessa Amidala nel secondo episodio di Guerre Stellari, che le location presso le ville lariane diventano spesso una tappa obbligata delle grandi produzioni cinematografiche internazionali.

Il Lago di Como è rappresentato in numerose scene della super produzione di “Ocean Twelwe” (2004), di Steven Soderbergh con Brad Pitt, Matt Damon, Julia Roberts e Catherine Zeta Jones, tutti ospitati, durante le riprese, nella Villa Oleandra a Laglio, di proprietà del collega George Clooney. Le ville di Cernobbio ritornano in “La partita” (2001) di Marleen Gorris, con John Turturro ed Emily Watson, ambientata a Villa Erba, e in “L’ombra del sospetto” (2008) di Richard Eyre, con Liam Neeson, Laura Linney e Antonio Banderas, con lo sfondo di Villa d’Este.

Ma già nel 1984 Sergio Leone aveva girato alcune scene di “C’era una volta in America” presso la Villa Melzi d’Eril di Bellagio, panorami che hanno incantato anche Robert De Niro. Il bel borgo lacustre di Varenna e la vicina Villa Monastero fanno da sfondo alla storia dello stralunato “Uomo d’acqua dolce”, diretto e interpretato nel 1996 da Antonio Albanese. Di due anni prima, del 1994, è “Come due coccodrilli”, la delicata commedia, in gran parte ambientata in provincia di Lecco nel villaggio di Lierna, del regista Giacomo Campiotti, con Giancarlo Giannini, Fabrizio Bentivoglio e Valeria Golino.

Il centro storico di Pavia, invece, con le sue torri, i cortili della sua Università e il suo ponte coperto, ha fatto da sfondo alla riduzione cinematografica del racconto di Nikolaj Gogol “Il cappotto” (1952) di Alberto Lattuada, con Renato Rascel. A Pavia sono stati ambientati anche “Paura e amore” (1988), altra riduzione di un testo letterario, “Le tre sorelle di Anton Cechov”, per la regia di Margarethe Von Trotta, con Fanny Ardant, Greta Scacchi e Valeria Golino e il mélo “Fantasma d’amore” (1981) di Dino Risi, con Marcello Mastroianni e Romy Schneider.

Poco lontano di lì, nei boschi e le cascine del Ticino, sempre Mastroianni con Sofia Loren ha recitato ne “I girasoli” (1970) di Vittorio De Sica, con alcune scene girate sul ponte di barche di Bereguardo. Un altro ponte di barche, quello di Torre d’Oglio, nel Mantovano, compare in alcune scene del film “Radiofreccia” (1998) di Luciano Ligabue.

Il centro di Cremona, con il Duomo, il Torrazzo e il Broletto, torna nelle scene de “La febbre” (2004) di Alessandro D’Alatri, con Fabio Volo e Valeria Solarino, e in “La cura del gorilla” (2006), del regista e scrittore Sandrone Dazieri. Nel Castello di Mantova, e per alcune scene, anche in quello di Soncino, è ambientato “Il mestiere delle armi” (2001) di Ermanno Olmi.

Nel 2009 ancora Ermanno Olmi dedica agli storici vigneti della Valtellina e alle sue cantine un intenso documentario, “Rupi di Vino”. La drammaticamente singolare figura di Antonia Pozzi, poetessa e fotografa milanese, morta suicida nel 1938, ha ispirato due documentari (“Poesia che mi guardi”, 2009; “Il cielo in me”, 2014) e un film biografico (“Antonia”, 2016) che hanno come scenario la Valsassina, e in particolare il paese di Pasturo, dove la famiglia della Pozzi aveva una residenza estiva.

Dello stesso tema

Ciak #inLombardia a 360°

Partecipa al bando per giovani videomaker: c'è tempo fino al 21 settembre 2021.
  • Lifestyle
Ciak #inLombardia a 360°

5 cose da fare a Como

Scopri Como, il suo lago e ciò che rende questa città così speciale
  • Lifestyle
como cose da fare

Un tram chiamato desiderio

Vi innamorerete di questo prestante mezzo di trasporto che vi porterà in giro per tutta la città
  • Lifestyle
Un tram chiamato desiderio

10 motivi per visitare Brescia

Due cattedrali in una piazza sola. Resti romani. Il Castello. Il lago d’Iseo e quello di Garda. Dieci buoni motivi per visitare Brescia
  • Lifestyle
10 motivi per visitare Brescia

Cremona in un weekend

È la città dei maestri liutai. Capitale della musica, culla del violino, Patrimonio Immateriale Unesco. Scopri Cremona in 48 ore
  • Lifestyle
Cremona in un weekend

10 motivi per visitare Monza

L’autodromo e il Parco. La Villa Reale e il Duomo. Ecco 10 motivi per visitare Monza
  • Lifestyle
10 motivi per visitare Monza

Lecco in estate

Quando le giornate diventano calde qui ci si rinfresca al lago o in montagna: tante le attività da fare all'aria aperta
  • Lifestyle
Mai fatto downhill?

Villa Invernizzi….nel quadrilatero del silenzio

Nel centro di Milano una villa di altri tempi
  • Lifestyle
Villa Invernizzi….nel quadrilatero del silenzio

Cinema a Pavia: la città attraverso la cinepresa

La città di Pavia, come alcuni luoghi in provincia, è scenario di pellicole che hanno fatto la storia del cinema italiano
  • Lifestyle
Cinema a Pavia: la città attraverso la cinepresa

Infopoint Fiera Milano

Venite a trovarci in Fiera per programmare la vostra indimenticabile esperienza in Lombardia
  • Lifestyle
Infopoint Fiera Milano Rho, per scoprire e vivere la Lombardia

Milano al top

Con i suoi grattacieli a sfidare le vertiginose altezze del Duomo e delle montagne circostanti...
  • Lifestyle
Torre Allianz

Franciacorta Outlet Village

Shopping con bollicine: gusta i più importanti marchi della moda e dell'eccellenza agroalimentare bresciana
  • Lifestyle
Franciacorta Outlet Village

Le fontane, specchi d’acqua delle città lombarde

Riflessi e giochi d’acqua nelle fontane della Lombardia, opere d’arte firmate da architetti e scultori famosi di ogni epoca
  • Lifestyle
Le fontane, specchi d’acqua delle città lombarde

Milano, guida ai negozi di design

Vecchi artigiani e nuovi maker, supermarket del design, spazi industriali. Guida ai negozi dello shopping di design a Milano
  • Lifestyle
Milano, guida ai negozi di design

Teatro e musica: gli eventi online

Spettacoli da seguire dal divano di casa
  • Lifestyle
Teatro sociale di Como - @aslico.org

6 Cose da fare con i bambini tra Monza e Brianza

  • Lifestyle
Centrale elettrica Bertini

Como in un weekend

Cuore medioevale per una città che ama la scienza e progetta con la luce. Scopri Como in 48 ore. Senza perder di vista il lago
  • Lifestyle
Como in un weekend

I tram di Milano

Prendete posto sulle sue panche di legno e godetevi un viaggio nel tempo tra storia e tradizione milanese
  • Lifestyle
I Tram di Milano

Al Monza Eni Circuit con i bambini

All’Autodromo di Monza scopri le attività ludico-educativo per bimbi e ragazzi.
  • Lifestyle
Laboratorio stradale autodromo Monza

Negozi storici e Liberty a Milano

Un itinerario per negozi storici ospitati dagli edifici Liberty milanesi
  • Lifestyle
Negozi storici e Liberty a Milano - Palazzo Castiglioni