• Art & Culture
    • Parks

Villa Burba Medici Cornaggia

Una storia al femminile

Where
Corso Europa, 291, Rho (MI)
Contacts
0293332357
Official site

La dama dal carattere intrattabile(..”la burbera) di cui qualcuno ha favoleggiato, che avrebbe lasciato così poco lusinghiera traccia della sua permanenza nella bella villa suburbana sulla strada per Gallarate, non è probabilmente mai esistita: il toponimo, di significato non chiaro, è però molto antico( compare già nell’atto del 1485 relativo all’ investitura dei Ghisolfi sulle terre di S. Maria di in Castello: “…ad vineam de la burbana”), e viene riprodotto puntualmente in tutti i documenti che riguardano la proprietà sia pure con molte varianti.

Nella storia della Burba le donne hanno tuttavia un insolito ruolo di preminenza, essendo loro, per lo più, le titolari della proprietà; confermando comunque la regola del primato maschile, quando si tratti di decidere gli interventi più significativi. E così, se le terre della Burba sono da tempo immemorabile proprietà Crivelli, ed è Maddalena Crivelli, figlia di Lazzaro, a portarle in dote al marito, conte Luigi Pecchio, nella seconda metà del ‘600, è con ogni probabilità lui, il conte, a far edificare il palazzo e a siglare con il suo monogramma il monumentale camino del salone a piano terra.

Camino sul quale compare anche una data, 1665, ripetuta identica su un ’architrave del tetto, verosimilmente  indicante l’ultimazione della costruzione: dunque nel giro di un solo decennio, tra il 1665 e il 1975, Rho si trova adornata di tre preziose “gemme” d’architettura nobiliare: la Burba è la prima, seguita, non preceduta, da Palazzo Visconti (1669) e Palazzo Crivelli (1675).

Che la Burba sia proprietà  Pecchio è attestato inequivocabilmente tanto dalla “Misura Generale” del 1681 quanto dai registri catastali redatti cinquant’anni dopo dai funzionari di Maria Teresa d’Austria.

Al primo conte Luigi dovettero seguire pertanto altri membri del casato, fino a un altro conte Luigi, che più o meno un secolo più tardi si trova citato come colui che per lascito testamentario ha legato la Burba a una nuova figura femminile, quella della principessa Teresa Renata Melzi, nata d’ Harrach, moglie morganatica del duca d’Este.

La gentildonna, che porta un vago profumo di aristocrazia mitteleuropea nella storia della Burba (d’altra parte il ritratto della Sovrana asburgica amata dai sudditi lombardi, per quanto defunta, campeggia in una delle sale della villa, come attestano uno dopo l’altro i minuziosi inventari del 1972, 1788, 1803) preferisce non gestire direttamente la proprietà, a partire dal 1788, e la cede in affitto a un’altra nobildonna, la contessa Teresa Felber della Scala per un quindicennio. Ne dispone infine con il testamento del 5 ottobre 1786 a favore della pronipote Anna Maria Serbelloni, terzogenita della prediletta nipote Rosina Sinzendorff, maritata al conte Alessandro Serbelloni.

Ma la contessina Anna Maria, già erede di un cognome del più esclusivo patriziato milanese, nonché sposa ad un altrettanto aristocratico Porro Lambertenghi( quel conto Luigi- Como 1780, Milano 1860- accesamente antiasburgico, finanziatore e collaboratore della più celebre testata patriottica milanese, “il Conciliatore”, che restò esule fino al 1840 per avere preso parte ai moti del 1820-21), muore nel 1813 senza testamento,  per cui nella proprietà subentreranno i cinque figli; sarà  conveniente per i Porro, entrati giuridicamente in possesso dei beni di Rho nel Novembre 1819, cederli immediatamente e vantaggiosamente: nel gennaio 1820 la Burba con tutte le sue adiacenze passa a Giovanni Battista Dell’Acqua, per £90.567 e 20 centesimi. Niente sconti.

Altri passaggi, sempre in mani borghesi, sono attestati dai registri catastali, finché la proprietà perviene nel 1873 al marchese Giovanna Cornaggia Medici, interessante figura d’aristocratico innovatore, appassionato d’agricoltura e di questioni economico- sociali: la Burba ebbe motivo di essergli cara, poiché gli offrì occasioni di sperimentazione di nuovi sistemi di gelsicoltura e di osservazioni sulle forme di contratto agricolo più diffuse nell’alto-milanese, con i loro vantaggi e i loro limiti; ma le proprietà in Rho furono anche teatro di una disgrazia che costò la vita al figlio Antonio, poco più che quindicenne, nel 1893.

 Il figlio primogenito e il nipote del marchese Giovanni Cornaggia Medici, rispettivamente Paolo e Giancarlo furono gli ultimi privati proprietari.

La Villa, duramente provata durante il secondo conflitto mondiale dalla requisizione da parte degli Alleati e poi dalle occupazioni di truppe sudafricane e inglesi, che ebbero effetti devastanti su arredi, strutture, cortile e parco, sottoposti a spoliazioni e a manovre di automezzi pesanti, fu acquistata il 17 maggio 1966 dal Comune di Rho, che con una serie di interventi di restauro non ancora ultimati ne ha ricuperato la maggior parte, adattandola a prestigiosa sede della Biblioteca Cittadina (con annessa Sala Archeologica) e di numerose ricorrenti manifestazioni culturali.

Bella tutt’oggi in passato la tenuta della Burba doveva esserlo ancora di più, collocata ai margini del territorio comunale, ma affacciata su una via di grande comunicazione, in vista della rassicurante mole del Santuario dell’Addolorata: 34.000 metri quadrati, di cui quasi 13.000 di solo parco piantumato; la villa padronale con la corte-giardino coprono 6.000 mq; si aggiungono le case coloniche e i rustici annessi, l’Oratorio dedicato a S. Giuseppe, la tenuta circostante.

Vasta, eppure niente affatto fredda la “casa da nobile”, articolata secondo una struttura a U piuttosto comune nelle ville lombarde coeve: affida la sua grazia a un’ornamentazione tardo-barocca di gusto raffinato, che privilegia il corpo centrale, alleggerito dal portico costituito da tre archi ribassati sorretti da colonne binate; la ingentiliscono parecchi manufatti in ferro battuto, lavorati con grande maestria, come i balconcini, i cancelli e le ringhiere, lo stesso caratteristico orologio dell’ala est; le finestre scorniciate d’intonaco scandiscono il ritmo dei due piani della costruzione sia in facciata che sul retro, prospiciente il parco.

All’interno i locali risultano relativamente pochi, rispetto alla vastità dell’edificio: sei soltanto a pianterreno, dieci al piano superiore.

Ma la parte del leone, a pianterreno, spetta al salone centrale, aperto contemporaneamente sulla corte e sul parco, caratterizzato dal solenne camino in pietra.

A lato del salone, sotto il portico,l’ ampia scalinata di accesso al piano superiore, munita di cancello e ringhiera di pregevole fattura. Soffitti in legno a cassettoni con fasce decorative di bell’ effetto, e dipinte con motivi ornamentali e paesaggi a coronamento delle pareti fanno rimpiangere l’arredo antico citato negli inventari, disperso a più riprese, comprendente quadri, sculture( busti di imperatori romani), suppellettili e mobili di pregio, carte geografiche e ricche attrezzature da cucina.

Ma il fascino maggiore della Villa consiste senza dubbio nell’ambientazione: chi l’ha progettata l’ha sentita come un’isola dove l’armonia artificiale di una natura guidata dal disegno sapiente dell’ uomo volto alla contemplazione estetica  la distinguesse- pur non separandola- dall’armonia pur sempre calcolata ma prosaica della campagna coltivata per l’utilità pratica.

Quinte murarie e arboree cingono infatti il parco retrostante la villa, così da schermare la vista delle coltivazioni (oggi degli edifici), pur percepibili al di là; e la ricchezza delle essenze, comprendenti faggi, tassi, querce, aceri, camelie, sempreverdi, araucarie, sequoie, è stupefacente: del resto, già gli antichi proprietari avevano avvertito il richiamo fascinoso del parco della Burba, quasi un misterioso filo verde che lega le generazioni che hanno sostato all’ombra delle sue piante, un tempo esclusivo rifugio di meditazioni aristocratiche, oggi accogliente spazio di relax per frequentatori di ogni età: “Pianta un albero, e se tu non puoi conoscere chi un giorno godrà della sua ombra, ricordati che i tuoi antenati hanno piantato per te senza conoscerti” ammonisce con amabile ecologismo ante-litteram una lapide in armonioso idioma francese, sotto il portico della villa.

Oggi difficilmente riconoscibile, pure l’ impianto originale del parco mantiene zone di notevole suggestione, come il gruppo di magnolie arricchito da arredi in pietra destinati alla conservazione sul viale inghiaiato che incornicia il retro della villa da est a ovest, o la collina protetta da cortine verdi nell’area verso il grande ingresso a sud del parco.

Ne va dimenticato il gusto seicentesco profuso nell’ ornamentazione sia del cortile antistante la villa, caratterizzato dalla grande vasca mistilinea con statue, e almeno in origine organizzato come giardino all’italiana con aiuole fiorite e siepi di bosso lungo il muro di cinta, sia un’alta muraglia movimentata da archi e portali, sormontati da gruppi statuari allegorici e in parte decorati a mosaico; talmente accurata, questa recinzione che quando il marchese Cornaggia ampliò il parco a ovest, rompendo la simmetria della cinta originaria che venne per lungo tratto abbattuta, per comprendervi una vasta area piantumata a gelsi, lasciò comunque in piedi, inclusi nel parco, due portali artistici tutt’oggi conservati in sito.

No, non era( e non è) davvero luogo dove qualsivoglia gentildonna, nemmeno la più  incontentabile, potesse restar chiusa a lungo nella sua tetra acrimonia, la”Burbera”; e lo ribadisce un’altra massima di Confucio di soave sapore epicureo, murata sotto il portico a destra del grande salone che recita:”Per vivere a lungo è inutile imporsi un regime di vita piuttosto che un altro. Bisogna non lasciarsi sopraffare da preoccupazioni, accettare la giornata come viene, e non pigliarsi mai collera”.

Mai collera già: lo sanno bene il grande cedro dell’Himalaya la cui chioma scura, visibile a centinaia di metri di distanza, sovrasta dal parco il tetto della villa.

E' lì dal 1690 e mai una tempesta è riuscita a piegarlo; mai in trecento anni, il cedro della Burba.


Opening hours

Orario della Villa :

  • Lunedì dalle ore 9.00 alle ore 14.00 (chiuso nella giornata di lunedì nei mesi di luglio e agosto)
  • martedì dalle ore 9.00 alle 18.30
  • mercoledì dalle ore 9.00 alle 14.00
  • giovedì dalle ore 9.00 alle 18.30
  • venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00
  • sabato dalle ore 9.00 alle ore 14.00

 

Orario del Parco:

da lunedì a domenica dalle 9.00 alle 19.00

Take me here: Villa Burba Medici Cornaggia

Places

Alfa Romeo Museum

Six history floors create a link between past, present and future telling the companies of an extraordinary brand
  • Art & Culture
Museo Storico Alfa Romeo, Museums Milan
3.15 km

Green Club Golf Lainate

The Circolo Green Club Golf is located near Milan. The 18-hole course rewards the most accurate players.
  • Golf
Green Club Golf Lainate
3.52 km

Villa Visconti Borromeo Litta

Villa Litta is the perfect example of the “pleasure villas” so popular in Lombardy between the 16th and 17th century
  • Active & Green
Villa Visconti Borromeo Litta
4.22 km

Villa Arconati

The Villa Arconati's artistic, architectural and historic value is now getting a new lease on life in the city of Milan.
  • Art & Culture
Villa Arconati, Monumenti Milano
5.86 km

San Siro Stadium

The "Scala del calcio" hosts, every Sunday, the passion of thousands of fans
  • Active & Green
San Siro Stadium Giuseppe Meazza
9.67 km

Museo di ceramiche antiche Giuseppe Gianetti

  • Art & Culture
Museo di ceramiche antiche Giuseppe Gianetti
10.17 km

Villa Manzoni in Lecco

Summer residence and inspiration source for Manzoni to write The Betrothed. Villa Manzoni now is a house museum.
  • Art & Culture
Villa Manzoni in Lecco
11.79 km

Villa Bagatti Valsecchi

  • Art & Culture
Villa Bagatti Valsecchi
12.28 km

Teatro Nazionale

Not just musicals! Many initiatives at Teatro Nazionale: the Kids Academy, exhibitions, events ... and the Parco delle Arti.
  • Art & Culture
Teatro Nazionale
12.32 km

Arco della Pace

Numerous architectural symbols of Milan. The imposing arch that stands out in the middle of Corso Sempione is one of these
  • Art & Culture
Arco della Pace, the Arch of Peace
12.94 km

Triennale

  • Art & Culture
Triennale
13.21 km

The Last Supper

The Last Supper is the masterpiece of Leonardo da Vinci. A Unesco Heritage site along the Church of Santa Maria delle Grazie in Milan
  • Unesco Sites
The Last Supper
13.38 km

Santa Maria delle Grazie

An impressive piece of architecture in the heart of Milan, inextricably linked to the fresco by Leonardo da Vinci's Last Supper
  • Religious Tourism
Santa Maria delle Grazie, inspiring churches in Lombardy
13.4 km

Sempione Park

  • Active & Green
Sempione Park
13.45 km

Vicolo dei Lavandai

The Vicolo dei Lavandai is an enchanting place where, with a bit of imagination, you can step back in time.
  • Art & Culture
Vicolo dei Lavandai
13.47 km

Leonardo’s Vineyard

Leonardo's Vineyard is located in Milan, in front of the Santa Maria delle Grazie church; it was given to Leonardo by Ludovico il Moro
  • Art & Culture
Vigna di Leonardo, Musei Milano
13.54 km

Sforza Castle

Social life in Milan has always revolved around the Sforza Castle, a symbol of the city’s renowned industriousness and its love of beauty
  • Art & Culture
Sforza Castle
13.65 km

Chiesa San Cristoforo

San Cristoforo is an evocative complex consisting of two little churches.
  • Art & Culture
Chiesa San Cristoforo
13.7 km

Needle, Thread and Knot

  • Art & Culture
Needle, Thread and Knot in Piazzale Cadorna
13.7 km

MUDEC

Multidisciplinary center dedicated to the cultures of the world, in the former Ansaldo area, in real monuments of industrial archeology
  • Art & Culture
MUDEC Cultures' Museum
13.71 km

Activities

Casa Milan: Mondo Milan Museum tickets

  • Lifestyle
Casa Milan: Mondo Milan Museum tickets
10.79 km

Racing course with Formula BMW on an Italian racing track.

  • Lifestyle
Racing course with Formula BMW on an Italian racing track.
12.2 km

Test Drive a Ferrari 458 on an Italian racing track.

  • Active & Green
Test Drive a Ferrari 458 on an Italian racing track.
12.2 km

Test Drive a Ferrari 488 on an Italian racing track.

  • Active & Green
Test Drive a Ferrari 488 on an Italian racing track.
12.2 km

Monumental Cemetery of Milan private tour

  • Art & Culture
Monumental Cemetery of Milan private tour
12.72 km

Historical and modern Milan bike tour

  • Cycle Tourism
Historical and modern Milan bike tour
12.91 km

The Monumental Cemetery of Milan guided experience

  • Art & Culture
The Monumental Cemetery of Milan guided experience
13.06 km

Torre Branca tickets

  • Art & Culture
Torre Branca tickets
13.13 km

Tour of Naviglio Grande by canoe

  • Active & Green
Tour of Naviglio Grande by canoe
13.23 km

Leonardo da Vinci's Last Supper guided tour

  • Art & Culture
Leonardo da Vinci's Last Supper guided tour
13.36 km

Semi-private Milan tour with Last Supper tickets

  • Art & Culture
Semi-private Milan tour with Last Supper tickets
13.41 km

Leonardo da Vinci's Codex Atlanticus and Pinacoteca Ambrosiana guided tour

  • Art & Culture
Leonardo da Vinci's Codex Atlanticus and Pinacoteca Ambrosiana guided tour
13.42 km

Da Vinci's Last Supper skip-the-line tickets and guided tour

  • Art & Culture
Da Vinci's Last Supper skip-the-line tickets and guided tour
13.42 km

Exclusive skip-the-line guided visit of Leonardo da Vinci's vineyard

  • Leonardo 500
Exclusive skip-the-line guided visit of Leonardo da Vinci's vineyard
13.42 km

Blue Note Milano tickets with show and dinner or drink

  • Lifestyle
Blue Note Milano tickets with show and dinner or drink
13.43 km

Tickets and audio guide for Leonardo's Vineyard and Atellani House

  • Art & Culture
Tickets and audio guide for Leonardo's Vineyard and Atellani House
13.43 km

Skip the line tickets to the National Museum of Science and Technology Leonardo da Vinci

  • Art & Culture
Skip the line tickets to the National Museum of Science and Technology Leonardo da Vinci
13.61 km

Private Tour of Sforza Castle, Triennale and Branca Tower

  • Art & Culture
Private Tour of Sforza Castle, Triennale and Branca Tower
13.63 km

Sforza Castle guided tour

  • Art & Culture
Sforza Castle guided tour
13.65 km

Sforza Castle and museums skip-the-line tickets

  • Art & Culture
Sforza Castle and museums skip-the-line tickets
13.72 km

Where to sleep

B&B IL GELSOMINO

Rho
B&B IL GELSOMINO
286 mt

EUROPA DUECENTOTRENTACINQUE

Rho
EUROPA DUECENTOTRENTACINQUE
449 mt

BNBOOK EUROPA

Rho
BNBOOK EUROPA
561 mt

BORROMEO 2

Rho
BORROMEO 2
625 mt

COLLEGIO OBLATI MISSIONARI

Rho
COLLEGIO OBLATI MISSIONARI
712 mt

SMART HOUSE MARTINELLI 55 BILOCALE 8

Rho
SMART HOUSE MARTINELLI 55 BILOCALE 8
860 mt

SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO2 SUB 721

Rho
SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO2 SUB 721
860 mt

SMART HOUSE MARTINELLI 55 BILOCALE 5

Rho
SMART HOUSE MARTINELLI 55 BILOCALE 5
860 mt

SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO1 SUB 720

Rho
SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO1 SUB 720
860 mt

SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO6 SUB 724

Rho
SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO6 SUB 724
860 mt

SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO7 SUB 725

Rho
SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO7 SUB 725
860 mt

SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO3 SUB 722

Rho
SMART HOUSE MARTINELLI 55 MONO3 SUB 722
860 mt

PORTA RONCA

Rho
PORTA RONCA
906 mt

ITALIANA HOTELS MILAN RHO FAIR

Rho
ITALIANA HOTELS MILAN RHO FAIR
918 mt

SOFIA

Rho
SOFIA
932 mt

B&B BROGGINI

Rho
B&B BROGGINI
1 km

VIA ITALIA 41/43

Rho
VIA ITALIA 41/43
1.07 km

B&B CASA PRATO

Rho
B&B CASA PRATO
1.11 km

TOKIO

Rho
TOKIO
1.16 km

B&B MONTECENERI 9

Rho
B&B MONTECENERI 9
1.24 km