• Active & Green
    • Parchi

Visitare il Parco Oglio Nord

Un Parco tutto da scoprire, nel cuore della Pianura Padana, che custodisce tratti di ambienti di sicuro pregio naturalistico.

Il Parco Oglio Nord prende il nome dall'omonimo fiume che dopo essersi gettato nel Sebino nei pressi di Pisogne, riprende il suo corso nella zona sud-ovest del lago (quindi non molto distante da Sulzano), per giungere nella pianura padana e confluire nel Po.

Un fiume importante che nel corso dei secoli ha inciso e condizionato molto il tessuto economico e sociale della zona.

Oggi è in grado di regalare scorci naturali, ma anche storici e rurali di grande rilevanza e bellezza.

L'Ente Parco Oglio Nord gestiste l'area protetta istituita proprio lungo il fiume e che comprende ben 34 comuni fra le province di Bergamo, Brescia e Cremona verso sud.

Nella Casa del Parco Oglio Nord, nei pressi di Torre Pallavicina, si trova il corpo di Vigilanza Ecologica, proprio all'interno di un antico mulino molto caratteristico.

Qui, vicino al passaggio del fiume, vi è anche un Centro Didattico Ambientale, oltre che un ristorante ed un ostello per la ricezione turistica.

Il Parco Oglio Nord affascina innanzitutto il visitatore per la ricca flora e fauna che custodisce al suo interno. Complessivamente presenta infatti ben 7 riserve naturali, tutte lungo il tratto centrale del fiume e al confine con il Parco Oglio Sud. Animali, uccelli e un'incantevole flora che riguardano sia le zone circostanti che le acque stesse del fiume.

Un mondo fantastico eppur reale, nel quale poter immergersi in tutta sicurezza nell'incanto di una natura incontaminata.

Ma il Parco Oglio Nord è anche molto altro. Stupisce infatti il visitatore grazie ai borghi, le ville e i castelli che costeggiano il fiume lungo il suo corso. Queste arricchiscono la bellezza paesaggistica, dando allo stesso tempo testimonianza del vissuto e della storia di queste località. Nobili dimore, ma anche antiche fortificazioni difensive a ricordare le piccole e grandi dispute tra abitanti di Brescia e Cremona, Orzinuovi e Soncino ed altre località del posto.  

Quindi testimonianze storiche di valore, tra le quali ricordiamo il Castello Lantieri di Paratico con la Torre Medievale, nella zona in cui il fiume Oglio riparte dal Lago d'Iseo. Ma anche Il Castello di Trebecco e Credaro, magnifico esempio di cittadella medievale.

Andando verso sud e superato Palazzolo sull'Oglio, sul versante orientale del fiume troviamo il Castello di Pumenengo. Sarà uno spettacolo vederlo specchiare nel limitrofo naviglio.

E ancora la Torre di Tristano e Palazzo Barbò nel comune di Torre Pallavicina e la Rocca Sforzesca di Soncino, luogo molto affascinante anche di sera e del quale poter visitare anche i sotterranei.

Proseguendo troviamo il Castello di San Giorgio e la Pinacoteca Civica a Orzinuovi, che merita assolutamente una visita per il ricco patrimonio pittorico e scultoreo dall'800 alle installazioni d'arte contemporanea, giusto per rimanere in tema con Christo.

La nostra rassegna potrebbe continuare e comprende anche il Castello Martinengo, il Castello di Villachiara, quello di Pontevico ed altri ancora, testimoniando la lunga storia che si è sviluppata lungo l'Oglio, tra arte, vita rurale e natura.

Sottolineiamo che il territorio del Parco Oglio Nord è notevole anche per chi è interessato all'arte sacra e agli itinerari di fede, grazie alle visite possibili presso i Santuari e le chiesette dislocate lungo il corso del fiume. Due fra tutti, il Santuario della Madonna in Pratis a Rudiano e il Santuario della Madonna dell'Oglio a Orzinuovi.

Allo stesso tempo i musei presenti nei vari comuni testimoniano l'antica sociale ed economica lungo il fiume Oglio, sia con l'attività agricola, che con quella industriale, soprattutto rappresentata nel corso dei secoli da filande e setifici. Fra questi citiamo il Museo agricolo e del vino a Capriolo, il Museo della civiltà contadina a Torre Pallavicina, il Museo Archeologico Acquaria a Soncino e quello del Maglio a Pontevico.

L'esplorazione naturale e le varie visite possibili lungo il fiume Oglio avranno di certo scatenato il vostro appetito, che potrà essere appagato dalle tante proposte culinarie realizzate con prodotti tipici del territorio, dal pesce del Lago d'Iseo, ai tanti formaggi locali fino alla carne di selvaggina: la Valle dell'Oglio è una fucina di gusti e sapori unici tutti da scoprire.

Dall'installazione artistica di Christo sarà quindi un piacere visitare il fiume Oglio e scoprirne tutte le sue attrazioni storiche, naturali e paesaggistiche, vivendo anche la vita sociale del luogo attraverso i tanti eventi, le feste e le manifestazioni culturali organizzate, visibili nell'apposita sezione del Parco Oglio Nord.

Portami qui: Visitare il Parco Oglio Nord

Dello stesso tema

Alla scoperta della Val Cavargna

  • Active & Green
Alla scoperta della Val Cavargna

Trezzo d'Adda.. Cosa vedere?

Una piacevole giornata alla scoperta di Trezzo sull'Adda: il centro storico, le ville, il fiume e la centrale Taccani.
  • Active & Green
Trezzo d'Adda: cosa vedere in un giorno

A Morbegno sul Ponte nel Cielo

In Val Tartano, il Ponte Tibetano più alto d'Europa
  • Active & Green
ph. Pagina Facebok Ponte nel cielo

La Ciclovia Karolingia

  • Active & Green
Ciclovia Karolingia _ Valle Camonica

La strada del vino e dei sapori

  • Active & Green
La strada del vino e dei sapori

A35: Le cicogne nella bassa bergamasca

Tornano le cicogne dopo 100 anni nella bassa bergamasca
  • Active & Green
Tour in A35: le cicogne nella bassa bergamasca

La pianura cremonese a ritmi lenti

Un territorio da esplorare tra parchi, fiumi, riserve naturali, cascine e buona tavola.
  • Active & Green
La pianura cremonese a ritmi lenti

Val Fontana e Piano dei cavalli - In giro per alpeggi

Chiuro
  • Active & Green
Val Fontana e Piano dei cavalli - In giro per alpeggi

Passeggiata Ca' branchi - Somasassa - Caven - Tresenda

  • Active & Green
Somasassa

Concarena, Gavia e Mortirolo: avventure a piedi e in bici

La Valle Camonica più selvaggia: dai canaloni per esperti escursionisti ai tornanti delle salite che hanno fatto la storia del Giro d’Italia
  • Active & Green
Concarena, Gavia e Mortirolo: avventure a piedi e in bici

Tra parchi, boschi e brughiere, mini tour nella bassa comasca

  • Active & Green
Parco Appiano Gentile

5 mete green tra Monza e Brianza

Dal Parco di Monza ai boschi di Misinto scopri con noi 5 mete green tra Monza e Brianza. 
  • Active & Green
Mete verdi lombardia

Sentiero dei ricordi e delle fatiche

Così è stato "battezzato" in ricordo dei castionesi delle generazioni passate che quotidianamente percorrevano questo sentiero, quasi sempre con la gerla o il "campacc" carichi, che collegava le frazioni alte del paese con i terreni del fondovalle per lo svolgimento dei lavori agricoli.
  • Active & Green
Sentiero dei ricordi e delle fatiche

Pump Track

Il Pump Track è una pista composta da piccoli salti, dossi e curve paraboliche, progettata per essere percorsa senza mai pedalare!
  • Active & Green
Pump Track

Il Triangolo Lariano: i Corni di Canzo

Montagne sorprendenti per chi ama l’outdoor, dalle pareti per arrampicatori ai massi erratici per i boulders fino ai trekking in quota con vista lago
  • Active & Green
Il Triangolo Lariano: I Corni di Canzo

Escape Room Monastero di Cairate

Varese Turismo
  • Active & Green
Monastero di Cairate

10 luoghi immersi nella natura

Se volete passare una giornata a contatto con la natura vi consigliamo queste mete davvero particolari.
  • Active & Green
Scoprire la Lombardia attraverso la natura

Montagne di storia antica: la Valle Camonica

  • Active & Green
Montagne di storia antica: la Valle Camonica

Trekking: 6 percorsi facili

Passeggiare per le montagne lombarde: 6 percorsi a portata di bambino 
  • Active & Green
Gemelli e Pizzo Becco

Alta via della Valmalenco - 6 sesta tappa

Rif. Marinelli Bombardieri (2813 m) - Bocchetta di Caspoggio (2983 m) - A. Fellaria e Rif. Bignami (2382 m)
  • Active & Green
Passaggio dalla bocchetta di Caspoggio