• Borghi
    • Arte e Cultura

Gemonio, uno scrigno di sorprese

Una passeggiata inconsueta nel piccolo borgo del varesotto tra chiese romaniche, mulini e arte contemporanea

Capita di cercare una meta per una giornata speciale: che sia culturale, in natura ma senza fatica, densa di storia e anche impreziosita di bellezza; la provincia di Varese è ricca di luoghi così, uno di questi è Gemonio, a cavallo tra il lago Maggiore e i più piccoli laghi del varesotto.

 

Si può lasciare l’auto nel posteggio della stazione o, meglio ancora, arrivare in treno da Milano e godersi il borgo a piedi. 

La prima meta è la chiesa di San Pietro, gioiello romanico sorto su antiche fondamenta, probabilmente longobarde. Le pietre dell’edificio, l’alto campanile decorato ad archetti pensili, le forme tipiche del romanico ci accolgono con eleganza discreta. All’interno le decorazioni ripercorrono la lunga storia della chiesa: dall’altare preromanico con motivi geometrici, fino agli affreschi del XVI secolo, che ornano le pareti e l’abside maggiore. L’insieme dei colori e delle proporzioni architettoniche creano un’atmosfera talmente armoniosa che non si può evitare di pensare all’amore e alla cura che gli abitanti del villaggio hanno da sempre rivolto alla loro chiesa, seppur nella povertà dei mezzi.

Rigenerato lo spirito saliamo nel borgo e scoviamo, dietro uno dei tanti portoni, la corte settecentesca di un’antica casa rurale oggi divenuta il Museo Civico Floriano Bodini. Vi sono esposte le opere del maestro scultore, ma non solo. Bodini è nato a Gemonio, cresciuto e formatosi a Milano, nel dopoguerra è stato animatore del gruppo degli artisti del “realismo esistenziale”, poi sempre più rivolto alla propria ricerca, fino a sfociare nella produzione particolare delle medaglie e delle grandi opere pubbliche: il Paolo VI del Sacro Monte di Varese e quello del Duomo di Milano, il monumento ai cavatori di Carrara, il monumento ai Sette di Gottinga in Germania. 
 

Appena fuori dal minuscolo centro ci si trova in campagna, sulle rive del torrente Viganella, dove sorge il mulino che è stata la casa e lo studio del pittore Innocente Salvini: un luogo di una bellezza inaspettata e genuina dove poter sostare nella natura e ammirare le opere di un artista che è riuscito ad essere allo stesso tempo autenticamente “europeo”, moderno e profondamente legato alla propria terra.  

La giornata termina con il ritorno verso l’auto. Nell’antico borgo abbiamo trascorso un tempo speciale, scovato bellezze inaspettate che ci porteremo nel cuore. 


Testo a cura di SIMONA GAMBERONI, guida abilitata ConfGuide-GITEC 

Se questo racconto ti è piaciuto, CLICCA QUI per scoprire le sue varie proposte d'itinerario.

Dello stesso tema

Scopri la pianura bresciana

Immersi nella natura dove il tempo sembra essersi fermato tra borghi e campi
  • Borghi
Scopri la pianura bresciana

Borghi Cremona

Lontano dalla caotiche città e dal traffico ci immergiamo nelle atmosfere rilassate dei borghi cremonesi
  • Borghi
Borghi Cremona, Lombardia da visitare

Terre del Vescovado

  • Borghi
Terre del Vescovado

Como: le 10 destinazioni più turistiche nel 2019

  • Borghi
Como: le 10 destinazioni più turistiche nel 2019

Le 10 mete più turistiche del 2019 del territorio bresciano

Vi presentiamo la classifica delle 10 destinazioni più frequentate nell’area bresciana nel 2019.
  • Borghi
Le 10 mete più turistiche del 2019 del territorio bresciano

La pianura bergamasca e il suo territorio

  • Borghi
La pianura bergamasca e il suo territorio

Tra Serio e Oglio... passeggiando nella Bassa Bergamasca

La bassa bergamasca orientale è una zona geografica pianeggiante posta a sud della città di Bergamo. È delimitata a est dal fiume Oglio, a sud dalla provincia di Cremona, a ovest dal fiume Serio.
  • Borghi
Fiume Oglio

Valsassina: terra di natura, sport, relax e cultura

  • Borghi
Valsassina: terra di natura, sport, relax e cultura

Borghi Sondrio

Prodotti alimentari e artigianali, feste e sagre, arte e tradizioni nei borghi della Valtellina
  • Borghi
Borghi Sondrio, Lombardia da visitare

Borghi e tradizioni della pianura bresciana

  • Borghi
Borghi e tradizioni della pianura bresciana

Mantova e il risveglio dei fiori di loto

Appena fuori Mantova, il Borgo di Grazie è uno scrigno di tesori d’arte nell’incantevole scenario del Lago Superiore del Mincio
  • Borghi
Mantova e il risveglio dei fiori di loto

Cremona: le città murate

In visita fra castelli e cittadelle fortificate in provincia di Cremona. Bellezze artistiche e curiosità storiche
  • Borghi
Cremona: le città murate

Serio, Tormo, fontanili e navigli: tra parchi e corsi d’acqua.

I parchi e le riserve naturali sono protagonisti della provincia cremonese, tra campi coltivati, torrenti e cascine.
  • Borghi
Serio, Tormo, fontanili e navigli: tra parchi e corsi d’acqua.

I 21 borghi più belli d'Italia in Lombardia

  • Borghi
Vista di Soncino (CR)

I fiumi e la loro storia: tra il Brembo e l’Adda

  • Borghi
I fiumi e la loro storia: tra il Brembo e l’Adda

5 cose da fare a Mandello

La città dei motori ti accoglierà tra acqua e montagne
  • Borghi
borgo mandello lario

L’Alto Oltrepò: Appennino di Lombardia

  • Borghi
L’Alto Oltrepò: Appennino di Lombardia

Terre dell'Oltrepo Pavese Orientale: tra vino e storia

  • Borghi
Oltrepò Pavese

5 Cose da fare nell’Alto Lago di Como

L’area settentrionale del Lago di Como ti stupirà!
  • Borghi
cosa fare alto lago como

Gemonio, uno scrigno di sorprese

Una passeggiata inconsueta nel piccolo borgo del varesotto tra chiese romaniche, mulini e arte contemporanea
  • Borghi
Gemonio, uno scrigno di sorprese