• Borghi

Redavalle

Dove
Redavalle PV
Contatti

L'attuale Redavalle è l'erede di un centro più antico, San Martino in Strada. Nella zona esisteva un centro romano nominato negli antichi itineraria come Cameliomagus o Comillomagus (forme dovute alla scrittura trascurata di un probabile Camillomagus).

Le distanze itinerarie converrebero maggiormente a Broni: certo è che a Redavalle sono stati trovati numerosi reperti romani, il che dimostra l'origine romana di San Martino in Strada, corrisponda o no a Camillomagus. Come molti centri antichi sopravvissuti alle invasioni barbariche, ebbe una propria pieve, dipendente dalla diocesi di Piacenza, il cui nome (San Martino in Strada appunto) obliterò l'antica denominazione della località. San Martino passò sotto il dominio pavese nel 1164, allorché era probabilmente una dipendenza di Broni; era comunque dotato di un castello, che fu incendiato dalle truppe dei confederati lombardi durante le guerre contro Federico I Barbarossa.

San Martino in Strada, che si trovava un poco più a est di Redavalle, non si riebbe più dal disastro. Cominciò allora a prendere importanza Ridavalle (così chiamato nel 1250), situato al margine occidentale del comune di San Martino, che a poco a poco assorbì l'intera popolazione del vecchio centro. Attorno al 1560 anche al pieve di San Martino fu abbandonata e l'arciprete prese dimora presso l'oratorio di San Rocco a Redavalle (che prese il nome di San Rocco e San Martino). Redavalle faceva parte del feudo di Broni, appartenuto dal XIII secolo ai Beccaria e dal 1536 alla fine del feudalesimo (1797) agli Arrigoni di Milano.

Come abbiamo detto, Redavalle sorgeva a ridosso del confine occidentale del comune, tanto che parte dell'abitato sconfinava nell'adiacente comune di Santa Giuletta; tale anomalia fu regolata nel 1866 con la cessione a Redavalle di un tratto del territorio di Santa Giuletta (denominato frazione Rile).  

Redavalle: un piccolo borgo ai piedi delle colline dell'Oltrepò Pavese, poco più d'un paio di minuti d'auto lungo la via Emilia, ma paese come altri solo sulle cartine stradali.

Quel punto, a metà tra le città di Casteggio e Broni, ora raccoglie 1000 anime o poco più: un tempo rappresentava il centro più importante sull'itinerario tra Iria (Voghera) e Placentia (Piacenza).

Le sue origini risalgono al periodo pre-romano; fondatori e primi abitanti ne furono le popolazioni liguri e celtiche che si contesero il dominio sul territorio prima dell'avvento romano sul finire del III secolo a.C.: Cameliomago il suo nome, come riportato sulla Tabula di Peuntiger, una sorta di stradario che raffigurava gli itinerari romani, i centri maggiori e le stazioni di posta e di cambio.

Tra queste, a 17 miglia romane da Iria e a 25 da Placentia, viene annoverato appunto l'abitato di Cameliomago, che estendeva le sue ultime propaggini fino alle attuali frazioni Manzo di Santa Giuletta e Ca' del Piano di Cigognola. Il centro è da individuare ai piedi delle colline, nel territorio di Redavalle e Cassino Po, disseminato di locande, stalle per cambiare i cavalli, osterie, botteghe e ville patrizie, delle quali non restano purtroppo grandi reperti: alcune lapidi, molte monete, urne, lucerne e suppellettili funerarie, ritrovate perlopiù nella necropoli Gragnolate, nei poderi Vacca d'oro e Bruciati e durante gli scavi ottocenteschi alla demolita fornace Bornaghi; presenti in diverse località pedecollinari redavallesi, lungo le quali correva la via Postumia, sono invece cocci, tavelle, mattoni e quant'altro possa testimoniare la presenza romana, costante e prospera fino alla decadenza dell'Impero. Proprio per la contingente posizione, l'antica Cameliomago subì, a partire dalla fine del IV secolo d.C. un progressivo impauperimento dovuto alle invasioni barbariche ed all'instabilità economica e politica propri di quei secoli.

La lenta cristianizzazione del primo millennio fu per l'antica Redavalle comunque foriera di rilevanti novità storiche, religiose ed architettoniche, delle quali non restano però che pochi resti, primo fra i quali il pilastro in rovina che si vede all'ingresso del paese provenendo da Broni, in prossimità dell'incrocio con la strada che conduce a Pietra de' Giorgi. Quel pilastro, fatto edificare dall'arciprete Primo Andrea Sterpi nel 1724, sorse per commemorare la Pieve di San Martino in Strada, eretta probabilmente nel IX-X secolo d.C. e capace, per alcuni secoli, di accorpare a sé nel culto divino le parrocchie e le popolazioni dei paesi limitrofi, tra cui Cigognola, Pietra de' Giorgi, Barbianello, Mornico Losana e Santa Giuletta. Si trattava di una Pieve importante, dotata di strutture d'accoglienza per i viandanti ed i pellegrini della via Romera, il cui potere venne però scalfito nei secoli dalle pestilenze e dall'incuria dei reggenti, che condussero all'abbandono ed alla decadenza la chiesa, sostituita per le celebrazioni da un oratorio nel centro abitato, dedicato a San Rocco, poi ampliato all'inizio del XVIII secolo su progetto dell'architetto Veneroni, fino all'attuale fabbrica, magistralmente restaurata nell'ultimo decennio del secolo scorso.

Il dominio dei Franchi, cui succedettero le dominazioni feudali locali e il potere dei singoli Comuni furono secoli bui per la storia di Redavalle: è purtroppo da ricordare l'incendio al castello del paese, operato nel 1164 dai Piacentini e dai Cremonesi, in lotta contro la città di Pavia, alleata di Federico Barbarossa, evento rimasto scolpito nella tradizione popolare ed effigiato sullo stemma municipale.

Nei secoli successivi seguirono alle dominazioni rinascimentali dei Visconti-Sforza, quella degli Spagnoli e, dal 1713, quella degli Austriaci.

Il paese che veniva sempre più a formarsi intorno al predetto oratorio, fu abbellito nel XVII secolo dalla costruzione di due cappelle all'ingresso del centro abitato, ora restaurate e adibite l'una al culto della Madonna e l'altra al ricordo dei Caduti.

Nel 1743, con il Trattato di Worms, il territorio di Redavalle, come tutto l'Oltrepò Pavese, passò sotto il dominio sabaudo, per divenire poi parte della provincia di Pavia nel 1861.

Fonte: Comune di Redavalle

PHOTO:  Portale www.visitoltrepo.com
Portami qui: Redavalle

Luoghi

Civico Museo storico culturale della bambola e del giocattolo

  • Arte e Cultura
Civico Museo storico culturale della bambola e del giocattolo
1.66 km

Santa Giuletta

  • Borghi
Santa Giuletta
1.85 km

Torricella Verzate

Il Santuario della Passione attorniato dalle Cappelle della Via Crucis è costruito su di uno sperone roccioso di origine vulcanica
  • Turismo religioso
Santuario della Passione di Torricella Verzate
2.63 km

Pietra de' Giorgi

  • Borghi
Pietra de' Giorgi
2.79 km

Mornico Losana

  • Borghi
Mornico Losana
2.85 km

Panchina Gigante di Mornico Losana

  • Active & Green
Panchina Gigante di Mornico Losana
2.89 km

Cigognola

  • Borghi
Cigognola
3.28 km

Oliva Gessi

  • Borghi
Oliva Gessi
4.03 km

Corvino San Quirico

  • Borghi
Corvino San Quirico
4.32 km

Broni

  • Borghi
Broni
5.52 km

Castana

  • Borghi
Castana
5.65 km

Antica Tenuta Pegazzera

Situata sulle alture di Casteggio, si caratterizza per la suggestività dell’architettura e per la bellezza dei suoi arredi.
  • Lifestyle
Antica Tenuta Pegazzera
6.15 km

Museo delle Api

A Montalto Pavese scopriamo i segreti del mestiere dell'apicoltore
  • Arte e Cultura
Museo delle Api
6.22 km

Montalto Pavese

  • Borghi
Montalto Pavese
6.28 km

Casteggio

  • Borghi
Casteggio
6.29 km

Montescano

  • Borghi
Fontana Missaga
6.31 km

Canneto Pavese

  • Borghi
Canneto Pavese
6.34 km

Panchina Gigante di Calvignano

Una veduta magnifica sull'Otrepò Pavese
  • Active & Green
Panchina Gigante di Calvignano
6.48 km

Civico Museo Archeologico di Casteggio e dell’Oltrepo Pavese

  • Arte e Cultura
Certosa Cantù
6.58 km

Bressana Bottarone

  • Borghi
Bressana Bottarone
6.97 km

Eventi

Festa del Salame a Pietra de' Giorgi

Piazza Unità d'Italia, Pietra De' Giorgi (PV)
16/06/2024
  • Food & Wine
Festa del Salame a Pietra de' Giorgi
2.76 km

Rally Valli Oltrepò

Casteggio (PV)
02/08/2024 - 03/08/2024
  • Sport
Rally Valli Oltrepò
6.29 km

Pavia e la storica vocazione mercantile

Cupola Arnaboldi
Fraz. Casella 14-15, Montecalvo Versiggia (PV)
06/10/2024
  • Arte e Cultura
Pavia e la storica vocazione mercantile
8.22 km

Agosto Montuese

Montù Beccaria (PV)
16/08/2024 - 23/08/2024
  • Food & Wine
Agosto Montuese
8.83 km

Il Tour de France 2024 attraversa l'Oltrepò Pavese

Strada Statale 10 Padana Inferiore
01/07/2024
  • Sport
Il Tour de France 2024 attraversa l'Oltrepò Pavese
8.92 km

Festival Up-to-Penice

Stradella PV
26/05/2024 - 25/07/2024
  • Musica e spettacolo
Festival Up-to-Penice
9.21 km

Luna e Lavanda

Frazione Braglia, Borgoratto Mormorolo (PV)
22/06/2024
  • Active & Green
Luna e Lavanda
10.8 km

Campionati Italiani Gravel 2024

Golferenzo PV
29/06/2024 - 30/06/2024
  • Sport
 Campionati Italiani Gravel 2024
11.61 km

Convivium 2024

Golferenzo (PV)
29/07/2024
  • Food & Wine
Convivium 2024
11.61 km

OltrePop Festival

Volpara PV
15/06/2024 - 27/07/2024
  • Musica e spettacolo
OltrePop Festival
11.74 km

Wine trekking al castello di Stefanago

Castello di Stefanago
Località Castello di Stefanago, Fortunago (PV)
29/06/2024
  • Active & Green
Castello di Stefanago
12.02 km

Il Teatro Azzaretti di Fortunago: al via la nuova stagione teatrale

Teatro Azzaretti
Via Roma, 8, Fortunago (PV)
04/05/2024 - 30/09/2024
  • Arte e Cultura
Il Teatro Azzaretti di Fortunago: al via la nuova stagione teatrale
12.84 km

Attività

Alla scoperta dei vini biologici dell'Oltrepo' Pavese

  • Food & Wine
Alla scoperta dei vini biologici dell'Oltrepo' Pavese
6.99 km

Alla scoperta del Buttafuoco Storico

  • Food & Wine
Alla scoperta del Buttafuoco Storico
7.63 km

INTERPRETAZIONE DEI PROFUMI E SAPORI DEL VINO

  • Food & Wine
INTERPRETAZIONE DEI PROFUMI E SAPORI DEL VINO
7.99 km

PICNIC TRA COLLINE, VIGNETI E NATURA INCONTAMINATA

  • Food & Wine
PICNIC TRA COLLINE, VIGNETI E NATURA INCONTAMINATA
7.99 km

Degustazione Oltrepò rosa da Manuelina

  • Food & Wine
Degustazione Oltrepò rosa da Manuelina
8.1 km

Degustazione a tutta bolla da Manuelina

  • Food & Wine
Degustazione a tutta bolla da Manuelina
8.1 km

Degustazione l'Oltrepò nel bicchiere da Manuelina

  • Food & Wine
Degustazione l'Oltrepò nel bicchiere da Manuelina
8.1 km

VISITA GUIDATA CON PRANZO-DEGUSTAZIONE

  • Food & Wine
VISITA GUIDATA CON PRANZO-DEGUSTAZIONE
8.56 km

Degustazione in botte

  • Food & Wine
Degustazione in botte
9.8 km

Wine Tour Experience "Basic"

  • Food & Wine
Wine Tour Experience "Basic"
9.8 km

Visita e degustazione al Castello di Luzzano

  • Food & Wine
Visita e degustazione al Castello di Luzzano
13.35 km

Dove dormire

Agr. Corte Montini

Santa Giuletta
Agr. Corte Montini
855 mt

Agr. Tenuta Calcababbio

Pietra de Giorgi
Agr. Tenuta Calcababbio
1.2 km

700ENOLOCANDA

Santa Giuletta
700ENOLOCANDA
1.48 km

Agr. Azienda Agricola Borgo Santuletta

Santa Giuletta
Agr. Azienda Agricola Borgo Santuletta
2.22 km

CONTE DI CARMAGNOLA

Santa Giuletta
CONTE DI CARMAGNOLA
2.63 km

Agriturismo La Scuderia in Collina

Pietra de Giorgi
Agriturismo La Scuderia in Collina
2.79 km

GLI ACINI

Pietra de Giorgi
GLI ACINI
2.79 km

CASA DEL NONNO

Mornico Losana
CASA DEL NONNO
2.84 km

RENNA FRANCO

Mornico Losana
RENNA FRANCO
2.87 km

A CASCINA GABBA da Raffaele

ROBECCO PAVESE
A CASCINA GABBA da Raffaele
3.53 km

FUNKE KATRIN

Oliva Gessi
FUNKE KATRIN
3.72 km

ELICRISO

Corvino San Quirico
ELICRISO
3.98 km

TENUTA DI OLIVA di F. Guasti & C. s.n.c.

Oliva Gessi
TENUTA DI OLIVA di F. Guasti & C. s.n.c.
4.04 km

LE VIGNE DI CORVINO

Corvino San Quirico
LE VIGNE DI CORVINO
4.19 km

Agr. I Gessi

Corvino San Quirico
Agr. I Gessi
4.37 km

MONTEGUZZO

Cigognola
MONTEGUZZO
4.77 km

FRANCESCA FRANZESE

Canneto Pavese
FRANCESCA FRANZESE
5.37 km

ALBERO DI KARTA

Canneto Pavese
ALBERO DI KARTA
5.38 km

MAFFIOLI DANIELA

Canneto Pavese
MAFFIOLI DANIELA
5.45 km

KATAKLISMA

Casatisma
KATAKLISMA
5.61 km