• Arte y cultura

Anfore da trasporto I sec. a. C.– IV sec. d. C.

Dónde
Museo di Santa Giulia
Via dei Musei, 81/b, Brescia
Contactos
Infopoint
Infopoint Brescia - Piazza del Foro
Piazza del Foro, 6, Brescia
+39 030 3749916

Mié, 05/04/2017 - 09:46 -- pfalezza Itinerario:  La città più antica romana e longobarda Le origini e Brescia romana Tipologia:  I Capolavori Tag:  complesso monastico San Salvatore-Santa Giulia Giunte nelle collezioni museali tra il 1906 e il 1935, furono ritrovate durante scavi effettuati nel territorio bresciano. La forma e le analisi archeometriche relative all’impasto argilloso e agli inclusi in esso presenti hanno permesso di risalire al loro contenuto e alla loro provenienza, collocandole in un arco cronologico molto ampio che va dalla fine dell’epoca repubblicana alla tarda età imperiale. Eseguite a tornio in parti separate (orlo e collo, corpo, anse e puntale), poi assemblate tra loro, potevano superare il metro di altezza e avere una tara compresa tra i 5 e i 10 chilogrammi e un peso netto che poteva aggirarsi intorno al quintale. La forma rispondeva generalmente ad alcune regole fisse: orlo stretto e sigillato per evitare la fuoriuscita del contenuto; corpo ampio e capiente per il trasporto di grandi quantità d’olio, snello e allungato per il vino, rivestito internamente da sostanze resinose di colore bruno nerastro; anse arcuate e robuste in modo che l’anfora potesse essere sollevata a pieno carico; fondo provvisto di un puntale più o meno lungo, per consentire lo stivaggio sulle navi da carico, dette onerarie. La tipologia delle forme e la presenza di bolli hanno consentito di risalire ai proprietari delle villae, ricostruendo le aree di produzione e le rotte commerciali che attraversavano la Gallia Cisalpina, sfruttando le vie terrestri, fluviali e collegandola alle maggiori direttrici del Mediterraneo. È risultato che, tra il II e il I sec. a.C., il vino più consumato fosse quello greco, poi sostituito, da quello proveniente dal medio e alto Adriatico (territorio anconitano e istriano); per quanto riguarda le anfore da olio, riconoscibili anche per l’assenza di resine interne, per evitare che risultasse amaro, le più antiche sono databili tra il I sec. a.C. e il I d.C., provenienti dalla zona brindisina, mentre l’olio istriano continuò ad avere il primato almeno fino al III sec. d.C., quando cominciarono a diffondersi le produzioni dalla Betica (odierna Andalusia) e dal Nord-Africa, soprattutto da Cartagine (Tunisi). Altro prodotto molto diffuso fu il garum (salsa di pesce) consumato, senza soluzione di continuità, dal II sec. d.C. in poi. Svuotate del loro contenuto, a parte qualche raro caso di reimpiego per altri generi alimentari, le anfore furono utilizzate per bonifiche agricole e urbane, per fondazioni di domus o villae, o per il drenaggio di terreni. Molto frequentemente, in epoca imperiale, i contenitori più capienti divennero tombe essi stessi, a protezione delle ceneri del defunto o, segati in due, servivano ad accogliere i corpi di uno o più defunti. OPERA DEL MESE ANFORE DA TRASPORTO I sec. a.C.–IV sec. d.C.      Galleria: 


Horarios

Martedì - Venerdì: 9:00 - 17:00
Sabato: 10:00 - 21:00
Domenica e festivi: 10:00 - 18:00

Orario estivo in vigore da martedì 18 giugno a domenica 15 settembre 2019
Martedì - Venerdì: 10:00 - 18:00
Sabato, Domenica e festivi: 10:00 - 19:00

Chiuso tutti i lunedì non festivi
La biglietteria chiude un'ora prima della chiusura del museo

CUP Centro Unico Prenotazioni
presso Museo di Santa Giulia
Via Musei 81/b, 25121, Brescia
Orari di apertura CUP: da lunedì a domenica dalle 10:00 alle 16:00

Llévame aquí: Anfore da trasporto I sec. a. C.– IV sec. d. C.

Lugares

CROCI FUNERARIE D’ORO LONGOBARDE

  • Arte y cultura
CROCI FUNERARIE D’ORO LONGOBARDE
0 mt

MEDAGLIONE AUREOGRAFICO CON TRIPLICE RITRATTO 230-250 d.C.

  • Arte y cultura
MEDAGLIONE AUREOGRAFICO CON TRIPLICE RITRATTO 230-250 d.C.
0 mt

Monumenti funerari da via Mantova

  • Arte y cultura
Monumenti funerari da via Mantova
0 mt

Psiax, anfora attica a figure nere, detta di Vulci

  • Arte y cultura
Psiax, anfora attica a figure nere, detta di Vulci
0 mt

San Salvatore

Una delle testimonianze più importanti e meglio conservate di architettura religiosa alto-medievale
  • Arte y cultura
San Salvatore
0 mt

Complejo de San Salvatore Santa Giulia y Capitolium

  • Sitios de la Unesco
Complejo de San Salvatore - Santa Giulia y Capitolium
73 mt

Plaza Tebaldo Brusato

  • Arte y cultura
Plaza Tebaldo Brusato
201 mt

Plaza del Foro

  • Arte y cultura
Plaza del Foro
210 mt

El Santuario Republicano

  • Arte y cultura
El Santuario Republicano
215 mt

El Capitolium y el Foro Romano

  • Arte y cultura
Brixia - Parco archeologico di Brescia
215 mt

Basilica Romana

  • Arte y cultura
Basilica Romana
253 mt

Palacio Martinengo

  • Arte y cultura
Palacio Martinengo
277 mt

Nicolò Tartaglia

  • Arte y cultura
Nicolò Tartaglia
279 mt

El Mercado dei Grani

  • Arte y cultura
El Mercado dei Grani
375 mt

Arnaldo da Brescia

  • Arte y cultura
Arnaldo da Brescia
383 mt

Plaza Arnaldo

  • Arte y cultura
Plaza Arnaldo
383 mt

La Biblioteca Queriniana y el Palacio Obispal

  • Arte y cultura
La Biblioteca Queriniana y el Palacio Obispal
434 mt

El Museo de las Armas "Luigi Marzoli"

  • Arte y cultura
El Museo de las Armas "Luigi Marzoli"
445 mt

El castillo de Brescia

  • Arte y cultura
El castillo de Brescia
447 mt

Palacio del Broletto

  • Arte y cultura
Palacio del Broletto
518 mt