Orobie per tutte le stagioni

Orobie: le montagne da vivere tutto l’anno

Orobie: le montagne da vivere tutto l’anno PioRota

Il Parco delle Orobie, con i suoi 70.000 ettari, è una delle aree protette più estese in Lombardia. Qui passerai dalla terra al cielo e dal verde alle rocce: le rigogliose vallate dei fiumi Brembo, Serio e Dezzo si alternano alle cime dei rilievi che toccano i 3.000 metri d'altitudine. 


Il Parco ospita una ricchissima biodiversità riconosciuta e tutelata a livello europeo. Testimone d'eccezione è la cattedrale vegetale, sul Monte Arera: un edificio di abeti e castagni, costruito con l'arte antica dell'intreccio, all'interno dei quali sono stati piantati 42 faggi che, una volta cresciuti, daranno forma alla vera e propria cattedrale.


All'interno del Parco sono disponibili visite guidate, degustazioni, eventi: tutte iniziative aperte a  chiunque voglia partecipare. Nei rifugi puoi assaggiare gli ottimi formaggi D.O.P., prodotti nelle locali casere, secondo metodi tradizionali: le formagelle, il Branzi, il Taleggio, il Formai de Mut e lo Strachitunt.


Per smaltire queste bontà avrai da camminare parecchio e gli itinerari di certo non mancano: una chicca da visitare per chi ama i territori incontaminati è la Val Sanguigno, dove vivono specie animali e vegetali molto rari. Gli escursionisti possono scegliere tra gli oltre 1.000 km di percorsi di diversa difficoltà presenti nel Parco. I più noti sono il "Sentiero dei fiori", un giardino botanico in quota lungo i pendii del Monte Arera attorno ai 2.000 metri d'altezza, e l'imperdibile "Sentiero delle Orobie".


Chiamato anche Anello delle Orobie, si sviluppa per oltre 160 km su una quota media di 2.100-2.200 metri: di solito si divide in 8 tappe per le Orobie Orientali, da Valcanale al Passo della Presolana, e in 6 tappe per le Orobie Occidentali, da Cassiglio al Rifugio Fratelli Longo in Val Brembana. Ogni tappa è contrassegnata da un Rifugio che offre ristoro e pernottamento, così potrai decidere quanta strada percorrere e quando fermarti a riposare. Se lo completi, attraverserai da un capo all'altro la provincia bergamasca ammirando i suoi suggestivi paesaggi alpini!


I Rifugi delle Orobie sono per la gran parte gestiti dal CAI. In Val Brembana, i più noti sono il Benigni, che sorge su un magnifico balcone panoramico naturale; il Laghi Gemelli, circondato da numerosi laghetti naturali; il Fratelli Calvi, nella splendida conca racchiusa tra le cime più alte della Val Brembana.


In Val Seriana, oltre all'Alpecorte di Valcanale, di recente ristrutturazione c'è il Barbellino, punto di partenza per escursioni che possono sfiorare i 3.000 metri, oppure il Capanna 2000, vicino al Lago Branchino.


Nelle alture tra la Val Brembana e la Val Seriana l'acqua è protagonista: pensa che sono oltre 100 i laghetti alpini che costellano l'area! Uno spettacolo da non perdere sono le cascate del Serio a Valbondione, le più alte d'Italia e seconde in Europa: dal Piano del Barbellino, tre salti in successione, da un'altezza di 315 metri!


Verifica le aperture estive programmate tra giugno e ottobre e assisti a questo impetuoso prodigio d'acqua.


Le Orobie invernali ti mettono a disposizione oltre 300 km di piste da sci: Val Seriana, Val Brembana e Val di Scalve ti aspettano anche con le piste di fondo, gli snowpark, le piste per lo slittino, per il bob o per il pattinaggio. Dove? Foppolo, Carona, Monte Pora, Lizzola, Spiazzi di Gromo, e ovviamente Colere, dove potrai sciare ai piedi della Regina delle Orobie, il Massiccio della Presolana: oltre 2.500 metri di pareti di roccia calcarea, la dolomia!

Seguici sui nostri social