Sacro Monte di Ossuccio

Sacro Monte di Ossuccio, Chiese Como

Sacro Monte di Ossuccio, Chiese Como

Il Santuario della Madonna del Soccorso e le cappelle del Sacro Monte sovrastano il paese di Ossuccio, sulla sponda occidentale del Lago di Como, in una incantevole posizione panoramica.


Il complesso architettonico del Sacro Monte di Ossuccio, sito Patrimonio dell'Unesco, comprende 14 cappelle, la Chiesa e l'antistante portico, la Cappella della Beata Vergine del Soccorso e il Campanile.


Le cappelle sono distribuite lungo il Viale del Santuario che dalla frazione di Garzola giunge fino al luogo del Santuario. L'epoca di costruzione è databile tra il XVI e il XVIII secolo.


La tradizione popolare lega gli inizi della devozione alla Madonna ad una antica statua di Maria e a un antico dipinto. La statua, in marmo bianco, nascosta probabilmente sul luogo in tempi di lotte e invasioni, fu qui ritrovata da una fanciulla sordomuta che ebbe il dono della guarigione; si trova ora in una cappella votiva annessa al Santuario.


L'affresco che rappresenta la Vergine col Bambino Gesù e S. Eufemia, patrona della vicina parrocchia di Isola, è pure molto antico (1501) e si trova su un altare laterale del Santuario. Salendo verso il Santuario del Soccorso, percorrendo il lungo viale con le cappelle rappresentanti i misteri del Rosario, si ha la possibilità di riscoprire le tappe salienti della vita cristiana intesa come cammino verso la casa del Padre.


Sperimentare la fatica del camminare, fermarsi, contemplare e meditare, offre la possibilità di vedere la propria vita rispecchiata in quella di Cristo guidati per mano da Maria sua madre.


Il Sacro Monte della Beata Vergine del Soccorso di Ossuccio è inserito dal 2003 nella Lista dei Patrimoni mondiali dell'Umanità dell'Unesco, nell'ambito del sito seriale dei Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia.


Il Santuario sorge nel comune di Tremezzina sulla sponda occidentale del lago, a 25 chilometri dalla città di Como. È situato sul declivio della montagna, a 400 metri s.l.m., sopra le località di Ossuccio e Lenno, di fronte all'Isola Comacina.


Il luogo, completamente isolato dagli abitati, è circondato da prati, uliveti e boschi e si presenta come un poggio da cui si ha il panorama di tutto il centro lago. Al Santuario si può accedere solo a piedi, lungo il viale delle cappelle (persone anziane, malate o disabili, previa richiesta e in numero limitato, possono essere trasportate con l'auto fino al Santuario a partire dalla quarta cappella).

Seguici sui nostri social