Palazzo Belgiojoso

Palazzo Belgiojoso, Monumenti Lecco

Palazzo Belgiojoso, Monumenti Lecco Facebook_Polo Museale Palazzo Belgiojoso

Palazzo Belgiojoso è uno splendido edificio risalente all'inizio del XVIII secolo fatto costruire dalla famiglia Locatelli e poi venduto alla moglie del principe Carlo Rinaldo di Belgiojoso d'Este da cui prende il nome. All'interno affascinano le numerose decorazioni pittoriche settecentesche, come i quattro medaglioni con i ritratti dei protagonisti del romanzo di Alessandro Manzoni. 


Oggi Palazzo Belgiojoso è sede di quattro musei: il Museo di Storia Naturale, il Museo Archeologico, il Civico Planetario e il Museo Storico. Si caratterizza così come un polo museale articolato che permette al visitatore di ripercorrere la storia del lecchese nei suoi vari aspetti e nelle diverse epoche storiche.


Il Museo di Storia Naturale permette di conoscere gli ambienti naturali del territorio, nonché di rivivere la cultura scientifica di fine Ottocento. Ospita esemplari di uccelli, mammiferi, pesci, rettili, anfibi e insetti, alcuni conservati in vetrine risalenti all'inizio del XIX secolo.


Il Museo Archeologico è concepito come un museo del territorio, in quanto mette in luce la ricerca e la conservazione dell'ambiente archeologico e naturalistico del lecchese. I materiali qui conservati e disposti in ordine cronologico provengono tutti dal territorio e ne attestano la storia dal Paleolitico fino all'Alto Medioevo.


All'interno della cupola del Planetario Civico, con i suoi otto metri di diametro, viene riprodotta la volta celeste con i suoi movimenti e vengono proiettate le costellazioni e le loro stelle, i pianeti, i loro movimenti e tutti gli oggetti celesti.


Il Museo Storico ospita due sale dedicate al Fascismo e alla Resistenza nel territorio, ma vogliono essere soltanto il primo nucleo di un progetto museale più ampio. Fa parte del Museo Storico anche la Sala Virtuale dell'Industria Lecchese, inaugurata nel 2008 con lo scopo di illustrare in modo innovativo la storia dell'industria del territorio.

Seguici sui nostri social