• Arte e Cultura
    • Lifestyle

Milano (non solo) Prima alla Scala

Tutta “colpa” di Maria Teresa. Fu la tenace regnante viennese a volere nel 1776 la costruzione di un teatro dell’opera nell’area della fatiscente Chiesa di Santa Maria della Scala, poco lontana da Piazza del Duomo. Da allora, La Scala ci incanta. Così come tutto quello di speciale che si può fare a Milano prima o dopo la prima. A partire da un frollino d’autore!

 

1. Tra stellati e pasticceri emergenti
Secondo la guida Michelin 2018 sono 20 i ristoranti stellati a Milano. La novità è il bistellato Vun di Andrea Aprea all'hotel Park Hyatt, che si è aggiudicato anche il 26° posto nei The Best Chefs Awards 2018 consegnati a Milano lo scorso 1° ottobre. Il dettaglio che forse vi era sfuggito? Il suo Club Sandwich, il miglior del mondo, almeno secondo Tyler Brûlé direttore di Monocle Magazine. Per la colazione, la guida "Pasticceri & Pasticcerie 2018" del Gambero Rosso ci segnala invece una sorpresa. Il Pasticcere emergente dell’anno? È Marcello Rapisardi, alla guida di Pasticceria & Dessert di via Bacone. Punto di forza: la panna montata, dalle meringhe a bignè. Dolce da collezione: il “frollino Milano”.

 

2. In città, sulle tracce di un “uomo dalle 25 carriere”
Un viaggio nella Milano degli Anni Venti e Trenta? Basta seguire le tracce di Piero Portaluppi, uno dei grandi architetti della Milano Moderna. Da Villa Necchi Campiglio, scelta da Luca Guadagnino per girare “Io sono l’amore” con Tilda Swinton, al Planetario Hoepli. Per visitarli suggeriamo di affidarsi alle visite guidate organizzate dalla Fondazione Portaluppi. Itinerario consigliato? Quello dedicato alle residenze per la borghesia nel quartiere di Porta Venezia. Si parte dalla Casa museo Boschi - Di Stefano si arriva Palazzo Carpaccio-Buonarroti-Giotto, quello con l’arco in corso Venezia.
Info

 

3. Nel caveau delle Gallerie d’Italia 
Come ogni banca che si rispetti, anche l’ex Banca Commerciale Italiana aveva un caveau dove venivano conservati oggetti e materiali di grande valore. Oggi il caveau non contiene più cassette di sicurezza ma custodisce circa 500 dipinti appartenenti alla collezione Intesa Sanpaolo, appesi su pannelli di rete scorrevoli. Per i più curiosi è possibile partecipare alle visite guidate organizzate ogni terzo giovedì del mese. Un’occasione per scoprire le opere ma anche i metodi e segreti d’archiviazione e conservazione.
Info

 

4. Al Museo alla Scala, ricordando la Callas
Era il 1° maggio del 1911 quando il mercante d’arte Giulio Sambon decise di mettere all’asta la sua collezione di oggetti legati al mondo del teatro. La somma di 450.000 lire, raccolta tra collette e donazioni, venne però misteriosamente rifiutata. Si scoprì che il miliardario americano J.P. Morgan si era offerto come acquirente. Dopo poco abbandonò la sfida. Così, due anni dopo, nelle sale del Casino Ricordi, aprì il Museo Teatrale alla Scala che raccoglie cimeli, volumi, costumi di scena del Nabucco, Anna Bolena, Lucia di Lammermoor. Il suo fiore all’occhiello? Gli abiti indossati dalla Callas negli anni ’50. Un sogno.
Info

 

5. Tra le torri del Pirelli Hangar Bicocca
Con i suoi 15.000 metri quadrati Pirelli Hangar Bicocca è tra gli spazi espositivi a sviluppo orizzontale più grandi d’Europa e ogni anno presenta importanti mostre personali di artisti italiani e internazionali. Da non perdere tra le sue “navate”, la celebre opera permanente di Anselm Kiefer, “I Sette Palazzi Celesti 2004-2015”. Sette torri titaniche e spettacolari, alte tra i 14 e i 18 metri, dal peso di 90 tonnellate ciascuna, in piombo e cemento armato. Un invito alla meditazione.
Info

 

6. In Galleria, sopra l’Ottagono
Un Osservatorio ai piani alti della Galleria Vittorio Emanuele II? Voluto da Fondazione Prada, questo luogo di indagine della fotografia, protagonista oggi più che mai dello storytelling di luoghi e persone, si trova al di sopra dell’Ottagono, la cupola di vetro e ferro realizzata tra il 1865 e il 1867 a copertura della Galleria. Degli spazi originali, l’Osservatorio conserva le strutture portanti in cemento armato e il parquet. Chi ama l’altezza apprezzerà anche la Highline Galleria, la passerella sui tetti, resa accessibile, come un moderno camminamento di ronda. Con vista su Piazza della Scala.
Info

 

7. Il Quadrilatero che racconta la moda
Lo shopping è uno dei grandi attrattori di Milano. Griffato, stiloso, appetibile già nelle vetrine. Il suo tempio è il Quadrilatero della Moda, il reticolo di strade, in pieno centro, delimitato da via Montenapoleone, via Manzoni, corso Venezia e via della Spiga, con boutique che sono di per sé opere di design. Da non perdere in via Sant’Andrea, l’elegantissimo Palazzo Morando, il museo del Costume, della moda e dell’immagine.
Info

-
Crediti fotografici foto visore Galleria Vittorio Emanuele da: style.corriere.it

Dello stesso tema

Monza e Brianza in 8 Musei

Dal Tesoro del Duomo al MEMB, sono tanti i musei dove scoprire la storia, l'arte e la cultura locali
  • Arte e Cultura
Monza musei

Teatri in Lombardia

Milano città ricca di teatri famosi anche a livello internazionale. Ma non solo: non escludete altre province come Pavia e Mantova
  • Arte e Cultura
Teatri in Lombardia, suggerimenti

Milano, una città romanzo

Inseguendo gli scrittori del passato, tra i luoghi e le atmosfere di Milano che hanno ispirato grandi capolavori della letteratura
  • Arte e Cultura
Milano, una città romanzo

Itinerario romanico-gotico a Lodi

  • Arte e Cultura
Itinerario romanico-gotico a Lodi

Le impronte di Mario Baciocchi a Milano

Un grande architetto....
  • Arte e Cultura
Le impronte di Mario Baciocchi a Milano

Pezzotti valtellinesi

Forse il prodotto artigianale valtellinese più famoso, il pezzotto è un tessuto molto resistente confezionato utilizzando ritagli di stoffe, le pezze appunto, ordite a mano al telaio.
  • Arte e Cultura
Pezzotti valtellinesi

Il fantasma di Manigunda

A Varese la leggenda del fantasma di Manigunda al monastero
  • Arte e Cultura
Leggende a Varese: il fantasma di Manigunda al Monastero di Cairate

Il tour virtuale del Santuario di Ardesio

  • Arte e Cultura
Santuario Madonna delle Grazie di Ardesio

Teatri Pavia

Opera, prosa, danza e rassegne....va in scena il teatro a Pavia e provincia
  • Arte e Cultura
Teatri Pavia, Lombardia da visitare

Sull’Adda, in gita con Leonardo

Un cavo d’acciaio tra le sponde del fiume Adda, la forza della corrente. Il traghetto di Leonardo funziona così dal Rinascimento
  • Arte e Cultura
Sull’Adda, in gita con Leonardo

Il Chiostro di Voltorre

L’arte monastica del Chiostro di Voltorre
  • Arte e Cultura
L’arte monastica del Chiostro di Voltorre

Le signorie lombarde: protagonisti, storia e luoghi 

Gonzaga, Visconti, Sforza: a spasso per le città ricche di storia e cultura
  • Arte e Cultura
Gonzaga - Palazzo Ducale Mantova - ph: analisidellopera.it

Una giornata a Pavia

Quando organizzate il vostro viaggio in Lombardia non dimenticate di visitare Pavia
  • Arte e Cultura
City guide, 24 ore a Pavia

Lo spettacolo è online in Lombardia

Scopri le rappresentazioni teatrali, i film, i concerti, i video e i podcast disponibili gratuitamente online
  • Arte e Cultura
Lo spettacolo è online in Lombardia

I treni turistici della Lombardia

TrenoBlu e Ferrovia Turistica Camuna
  • Arte e Cultura
TrenoBlu e Ferrovia Turistica Camuna

Metanopoli e San Donato Milanese

Facile da raggiungere, si presta a percorsi di trekking urbano di tipo urbanistico, architettonico, storico e artistico
  • Arte e Cultura
Metanopoli e San Donato Milanese

Cavernago

Il paese dei due castelli
  • Arte e Cultura
Cavernago, il paese dei due castelli

Itinerario: La Franciacorta

La meta ideale per chi ama il turismo culturale
  • Arte e Cultura
Itinerario: La Franciacorta

Varese in primavera

Varese: passeggiate, picnic, spiagge segrete. In primavera trascorrete una giornata all’aria aperta nella terra dei laghi.
  • Arte e Cultura
Un pieno di cultura e aria fresca alla Villa Della Porta Bozzolo

Visita alle botteghe di liuteria

Una esperienza unica ed indimenticabile
  • Arte e Cultura
Visita alle botteghe di liuteria