Dove andare a pesca in Lombardia

Dove andare a pesca in Lombardia, qualche idea

Dove andare a pesca in Lombardia, qualche idea ft.Stefanini

Dove andare a pesca in Lombardia?

Se vi piace andare a pesca, in Lombardia avrete solo l'imbarazzo della scelta su dove lanciare l'amo.


Occorre sapere che per praticare questo sport nelle acque interne italiane serve una licenza e i documenti per ottenerla possono variare a seconda della provincia. Gli esperti saranno già informati, ma è bene ricordarlo per chi ci si vuole dedicare in maniera amatoriale durante le proprie vacanze.


A Pavia il Carpers Lake è un laghetto che in estate viene frequentato molto da chi pratica carp fishing. Le Lanche Cascinazza sono invece una riserva privata, formata da una serie di canali collegati tra loro. Buoni punti sono anche il Naviglio Pavese e un tratto del fiume Ticino.


Scegliere il torrente Senagra, nel comasco, significa immergersi nel verde e avere la possibilità di alternare escursioni a piedi e pic-nic. Altri due laghi interessanti dove provare sono il Ceresio e di Montorfano.


Il luogo migliore vicino a Sondrio è al Val di Lei: una lingua azzurra di 10 km tra le montagne garantisce un buon bottino e uno scenario mozzafiato. Qui è dove si trova il salmerino namaikus di oltre 5 kg di peso, oltre alle trote iridee o fario.


La zona di Brescia è perfetta per l'attività dilettantistica tutto l'anno: nel Garda è consentita inoltre la cattura notturna dell'anguilla da riva e la caccia subacquea.


Sull'Adda Morta, nel lodigiano, in particolare a Soltarico e Ca' del Conte, c'è un ambiente vario sia per quanto riguarda il fondale che per la vegetazione circostante.


Il Lago di Endine, in Val Cavallina nel bergamasco, è perfetto per lo spinning per lucci e bass, soprattutto in primavera e autunno, ma meglio noleggiare una barca, per i canneti che lo circondano.


Avete scelto dove andare a pesca? Provate la vacanza natura, troverete sicuramente il divertimento e il relax adatti a tutta la famiglia.

Seguici sui nostri social