Monte San Giorgio

Monte San Giorgio, che scoperta!

Monte San Giorgio, che scoperta!

Monte San Giorgio si trova a cavallo tra l'Italia e la Svizzera.


Il versante italiano di Monte San Giorgio è stato inserito tra i Siti Unesco nel 2010, mentre quello svizzero lo era già dal 2003.
 

I Patrimoni Unesco situati in Lombardia sono ben undici e per gli amanti della montagna e della storia geologica che essa custodisce, questo luogo è una fonte incredibile di testimonianze delle ere passate.


Questo rilievo è situato tra la provincia di Varese ed il Canton Ticino, circondato dai due rami meridionali del Lago di Lugano e raggiunge la massima altitudine in territorio elvetico, a quota 1097 metri.


In primi scavi risalgono a metà Ottocento da parte di paleontologi sia svizzeri che italiani. Furono portati alla luce fossili risalenti ad oltre 200milioni di anni fa in uno stato di conservazione eccezionale.


Altri siti, anche di fama internazionale, permettono solitamente di osservare un solo livello fossilifero e di conseguenza le specie animali intrappolate appartengono ad un solo preciso periodo. A Monte San Giorgio, invece, si possono esaminare ben 5 livelli e quindi è possibile studiare come le forme di vita dello stesso ambiente si sono evolute nell'arco di più ere.
 

Una caratteristica che lo rende unico al mondo e che gli è valsa il titolo di patrimonio mondiale dell'umanità.


I reperti, che riguardano invertebrati, rettili, pesci e piante, sono conservati ed esposti presso i Musei di Meride e Besano e un sentiero geo-paleontologico conduce gli appassionati da uno scavo all'altro.


Ma non occorre essere un aspirante paleontologo per godere della vetta; chi è amante del trekking infatti ne apprezzerà i sentieri, adatti ad ogni grado di difficoltà, dal più semplice al più tecnico.


Il panorama che si gode dalla cima permette di ammirare da un lato le Alpi, dall'altro la vasta distesa della pianura Lombarda.



Continuate a sfogliare la nostra guida per sapere quali sono gli altri magnifici siti Unesco in Lombardia.

Seguici sui nostri social