Museo Santa Giulia

Museo Santa Giulia, Musei Brescia

Museo Santa Giulia, Musei Brescia Bresciatourism

Il Museo Santa Giulia si trova nello storico monastero benedettino di San Salvatore e Santa Giulia, fondato nel 753 da colui che poi divenne il re dei Longobardi, il duca Desiderio, e che è uno dei siti divenuti Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 2011 nell'ambito del progetto "Italia Longobardorum – I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)". 


Il Complesso San Salvatore è oggi un importante luogo della città che testimonia l'epoca romana, dove oggi vi è il monastero si estendeva infatti un quartiere con abitazioni decorate da mosaici e affreschi e si allungava un tratto di strada pubblica in buona parte visibili all'interno del museo.


Il percorso del Museo di Santa Giulia si snoda in due aree distinte. La prima ripercorre la storia del Monastero, attraverso le sue strutture monumentali che documentano le diverse epoche che contraddistinguono la storia di Brescia: la chiesa San Salvatore di età longobarda, l'oratorio romanico di Santa Maria in Solario, il coro delle monache, la chiesa di Santa Giulia, i chiostri di età rinascimentale, la Croce gemmata di Desiderio e la Lipsaoteca in avorio.


Il secondo percorso porta alla scoperta di materiali e opere d'arte di grande valore che testimoniano il periodo che si estende dall'età preistorica all'Ottocento e che provengono dalla città e dal territorio.


Una delle eccellenze del museo è rappresentata dalla Domus dell'Ortaglia, la casa romana racchiusa nell'area archeologica del museo e nella quale sono visibili i resti di due abitazioni ritrovati nello spazio che nel medioevo era adibito agli del monastero.


Il Capitolium, tempio principale di ogni città romana, fu eretto dall'imperatore Vespasiano fra il 73 e il 74 d.c. Il Tempio Capitolino di Brescia chiudeva a nord il Foro dell'antica Brixia e a seguito di vari interventi di restauro e indagine archeologiche, è possibile entrarvi e vedere le parti originali della sua decorazione e dell'arredo delle grandi celle: i pavimenti originali in lestre di marmi colorati con motivi geometrici risalenti al I secolo d.c., altari in pietra di Botticino e frammenti di statue di culto e di arredi.


Il percorso di visita del Tempio inizia con il racconto della lunga storia di quest'area, del suo passato, della sua scoperta e delle sue finzioni, in un'atmosfera suggestiva nella quale immagini e voci accompagneranno i visitatori nel tempo.



museo santa giulia trenord


Seguici sui nostri social